• Mar. Ott 26th, 2021

Vairano: la protesta dei residenti di via Giovanni XXIII per l’arrivo dei “rifugiati”

DiThomas Scalera

Set 11, 2014

nigeria

E di poche ore fa una segnalazione che ci è stata fatta da vari residenti di via Giovanni XXII.

Nella popolosa strada vairanese si sono trasferiti una decina di rifugiati politici provenienti dalla Nigeria.

Fermo restando che non c’è nessun intento razzista, xenofobo o discriminatorio da parte dei residenti ma, gli stessi, lamentano una conoscenza quantomeno “superficiale” delle regole di vita all’interno di un condominio.
Secondo le testimonianze raccolte da noi, gli ospiti, probabilmente non consci delle regole condominiali, fanno rumore nel primo pomeriggio, giocando a calcio e facendo tutta una serie di “schiamazzi” tali da disturbare tutto il vicinato. Detto ciò i residenti del palazzo hanno chiesto, anche attraverso noi, alla ONLUS che ha il compito di monitorare i rifugiati in attesa di asilo di essere un po’ più presenti, di spiegare meglio come funzionano le regole condominiali poichè i residenti, per lo più persone avanti con l’età, non conoscono bene l’inglese e hanno GROSSE difficoltà di interazione.

Poi il civilissimo e tollerante popolo di Vairano saprà sicuramente essere accogliente con questi uomini meno fortunati.

La palla ora passa all’Associazione che avrà il compito di essere un po’ più presente e di spiegare, magari meglio, come funzionano certe regole nei condomini italiani. D’altronde nel rimborso spese percepito per questo servizio pensiamo ci sia anche compreso la una forma di base di istruzione e formazione ai rifugiati che spesso vengono catapultati in realtà lontane ANNI LUCE dai contesti sociali da dove provengono.

Gli abitanti di via Giovanni XXIII attendono ora risposte. E anche noi.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru