• Sab. Ott 16th, 2021

Vairano Scalo. Alla scuola media l'archivio al "caldo" e i ragazzi in un'aula senza la porta

DiThomas Scalera

Gen 12, 2017


VAIRANO – Altra singolare situazione quella dell’edificio appena ristrutturato nel centro di Vairano Scalo, dove gli alunni da poco hanno ripreso a frequentare. Secondo quanto affermano alcuni genitori, il Dirigente Scolastico avrebbe deciso di spostare l’intero archivio della segreteria in una stanza del nuovo istituto, spostando, di fatto, gli alunni in una stanza SENZA PORTA. Si, avete letto bene, l’aula dove sono spostati gli alunni non si può chiudere.
Quindi, oltre ad arrivare i rumori dall’esterno e, quindi, distrarre i ragazzi, i genitori lamentano anche il fatto che l’aula sarebbe freddissima e i gli alunni tornerebbero a casa “gelati”.
Noi ci proponiamo di approfondire la cosa, di andare a fondo a questa questione, cercando anche di sentire il Dirigente, perché, onestamente, questa ci pare una scelta piuttosto “scellerata” che sembra anteporre “altro” alla qualità e la salubrità dei luoghi e quindi alla salute dei ragazzi.
I genitori sono sul piede di guerra, speriamo che chi è responsabile di questa scelta quantomeno discutibile ritorni su i suoi passi, in 2 modi che non ci sembrano neanche difficili da applicare: comprare una porta e quindi rendere l’aula funzionale, oppure spostare i ragazzi un un’aula che abbia la porta.
Ci sarebbe anche una terza possibilità: dare una scadenza, un termine entro il quale la Dirigente si impegna a sistemare l’aula e dare il giusto posto per studiare ai ragazzi.
La nostra domanda è solo una, lo spostamento di un archivio si può anteporre alla qualità della vita scolastica di ragazzi così giovani?

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru