Lun. Dic 16th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Vairano. Un bonus del Consorzio per chi mette i serbatoi. Si può fare?

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Purtroppo a Vairano il problema dell’acqua continua. Nonostante gli sforzi dell’amministrazione per migliorare le cose, nonostante i quasi 3 milioni di euro spesi l’acqua nelle case continua a scarseggiare.
I motivi sono molteplici, probabilmente ci sono anche dei difetti di progettazione o delle questioni considerate di poco conto sulle quali, forse, ci si doveva soffermare di più.
Fatto sta che, nonostante tutto, i problemi persistono e la loro risoluzione sembra lontana.

Sento spesso dire “l’impianto deve andare a regime”, ma anche quando ci andrà i problemi resteranno perché il vecchio impianto non può essere dismesso, ed è là che ci sono perdite consistenti.
In questi mesi personalmente e come giornale abbiamo cercato di focalizzare l’attenzione sul problema e abbiamo provato a studiare o a suggerire all’amministrazione una soluzione che ci appare semplice e fattibile.

Considerato che una famiglia spende mediamente 300 euro l’anno di acqua e
un impianto di risalita con serbatoio ne costa 1000, il Comune potrebbe fare da tramite tra cittadini e Consorzio, ponendosi come mediatori.
Sulla base di questo accordo i cittadini vairanesi si fanno carico della spesa dell’impianto di risalita ma riceveranno un “credito a scalare” da parte del gestore.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di spetdere il residuo di finanziamento dell’acquedotto per creare dei “serbatoi di quartiere”, nelle zone dove l’erogazione è un po’ più critica, sulla falsariga di alcune cittadine americane che spesso vediamo nei film.
Anche questa è una strada percorribile

Tornando alla prima ipotesi, per dirlo in parole semplici, se spendo 900 euro non pago la bolletta dell’acqua fino a quando non ho raggiunto quella somma.

Purtroppo la carenza ci sarà sempre, e questa sarebbe un’ottima soluzione.

Per seguirla però ci vuole coraggio, bisogna dimostrare di essere davvero dalla parte dei cittadini, bisogna prendere di petto il gestore, non solo con lettere e comunicazioni ma mettendosi alla testa dei cittadini scontenti e portando avanti questa proposta.

L’acqua è troppo importante per trattare l’argomento con superficialità.
Il mio appello va al sindaco Cantelmo, che ha avuto la fiducia e la riconferma da parte di tanti vairanesi, studiate la cosa, decidete un bonus, strutturate l’accordo col consorzio, ma fatelo, e ricordatevi che in questo mondo i “vasi di coccio” di manzoniana memoria sono sempre i cittadini, per una volta sarebbe il caso di dimostrare di essere dalla loro parte, con azioni concrete.

Mi allontano dalle inutili polemiche dei giorni scorsi, scusandomi anche per i toni, forse un po’ troppo accesi, e provo ad essere costruttivo e a presentare proposte che ritengo valide.

Coraggio, provate a sperimentare un nuovo tipo di rapporto con i citradini. Vi ringrazieranno per sempre.

Open

Close