Mar. Nov 19th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Vaticano: accertati atti di omosessualità.

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

L’indagine interesserebbe rapporti omosessuali, e non abusi veri e propri, almeno non atti di pedofilia, perché si fa riferimento a fatti che “avrebbero coinvolto alcuni coetanei tra loro”. Sono queste le conclusioni di una ulteriore e dovuta indagine del Vaticano che, in seguito a segnalazioni e a dubbi anche interni, ha continuato ad investigare nella direzione già intrapresa dal 2013 (con nessun risultato che andava nella direzione e nella svolta che ora ci si appresta ad affrontare n.d.r.). Si tratta quindi di un nuovo e recente filone di indagini, condotto dalle autorità vaticane condotto nell’ambito del Preseminario “San Pio X”, collegio situato a palazzo San Carlo dove alloggiano i meglio conosciuti come “chierichetti” del Papa, a portare alla luce che negli ultimi anni si sono verificati rapporti omosessuali tra alcuni degli alloggianti aspiranti clericali. Dai primi risultati avuti e vagliati dall’Ansa risulterebbe che, in contraddizione con quanto appurato da indagini precedenti, nelle quali non erano state trovate tracce né sospetti che indicassero quanto poi certificato, alcuni dei giovani “ospiti” abbiano perpetuato rapporti omosessuali tra loro. La Santa Sede ha “tempestivamente” fatto sapere che il Preseminario “era sotto osservazione ed indagini sin dal 2013”, anche se “le segnalazioni anonime e non” all’epoca non trovarono nessun riscontro plausibile, né uno “stralcio di prova”. La nota vaticana continua dicendo che “negli ultimi tempi sono emersi nuovi elementi” che hanno dato l’input per nuove e più approfondite indagini interne. Indagini che hanno rilevato, senza alcun ragionevole dubbio, la presenza di atteggiamenti omosessuali tra i ragazzi del Preseminario stesso. Di certo è un forte atto di presa di coscienza da parte del Vaticano stesso che, alla luce di tali elementi, non può far finta di ignorare le “pulsioni” e le inclinazioni naturali della natura umana, in tutte le sue sfaccettature. Forse che sia la volta buona di iniziare a ragionare seriamente sul concetto di “celibato” e “castità”? Un tale di nome Lutero lo aveva detto. Almeno mezzo millennio fa.

Open

Close