• Lun. Ott 25th, 2021

Vendevano manoscritti del ‘600 rubati a Gaeta su ebay: refurtiva trovata a Casagiove

DiThomas Scalera

Dic 21, 2016
I manoscritti del ‘600 trovati a Casagiove.

Preziosi manoscritti del 1638 ed 1680, sono stati trovati dai militari dell’Arma dei carabinieri a Casagiove. I militari del Nucleo tutela patrimonio culturale di Roma insieme a quelli di Gaeta e di Casagiove hanno recuperato manoscritti antichi rubati nella comunità parrocchiale di Gaeta . Nella notte dello scorso 12 dicembre, in Gaeta, ignoti malfattori forzando una finestra si erano introdotti nella sacrestia della chiesa di San Giacomo, trafugando otto antichissimi registri battesimali manoscritti, riportanti iscrizioni storiche datate tra il 1638 ed il 1860.

Grande il colpo di recupero messo a segno dai carabinieri dopo una vasta indagine investigativa. L’ importanza del bottino, destinato al mercato nero dell’arte, veniva individuato con l’ausilio di personale specializzato del T.P.C. Venivano così individuate attraverso una vasta serrata indagine sul sito “eBay” otto inserzioni, corredate dalle relative foto, con le quali un ignoto utente, celandosi dietro un nome di pura fantasia, organizzava vendite illegali mettendo i citati pezzi storici sul mercato, creando in pochi giorni  l’interesse di numerosi acquirenti.

I militari operanti nell’operazione, si fingevano potenziali acquirenti, riuscendo a conquistare la fiducia del ricettatore che, seppur restio a fornire informazioni personali, involontariamente si lasciava sfuggire particolari che, appositamente sviluppati, ne consentivano la localizzazione nel comune del casertano. I carabinieri dopo l’attenta analisi procedevano alla perquisizione ed alla denuncia del quarantenne del luogo D.G, impedendo così che le opere potessero essere vendute. Durante la perquisizione si è provveduto a tutelare e salvaguardare opere d’arte che erano pronte per essere messe sul mercato dell’arte.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru