NewsNotizie dal MondoPagina Nazionale

Venezuela in ginocchio: gli Usa si apprestano all'invasione. Morti 80 bambini per carenza di elettricità

Da un lato ci sono gli Stati Uniti d’America, con la voce (o meglio il tweet) del Senatore Marco Rubio. Dall’altro un Paese in ginocchio, per colpa propria di chi, nelle ultime 72 ore, dice di voler “aiutare” il Venezuela del legittimo Presidente Nicolas Maduro. Non bastava il nemmeno troppo velato “embargo” da parte yankee, ora, ad aggravare la situazione, anche la carenza di elettricità. E se da un versante c’è chi, forse non troppo sconsideratamente, crede a un sabotaggio a marca imperialista, dall’altro c’è chi, autoproclamatosi presidente ad interim, deve stare attento a non mostrare il sorrisino “sotto i baffi”, che non ha, per giunta. Guaidò infatti, forte dell’appoggio di Trump e di quell’aggregato di stati “sovranisti” ma sudditi degli U.s.a., che compongono la “destra liberale” (e mafiosa) del Sudamerica. Infatti c’è poco da ridere, dopo aver appreso la notizia, ancora da verificare, della morte di 80 bambini negli ospedali venezuelani, per mancanza, appunto, di corrente elettrica. È chiara ormai che sotto la “richiesta di aiuti” al “collassato” Venezuela, si nascondano ben altre verità. L’intento infatti è quello di invadere definitivamente il Venezuela stesso, facendolo tornare nelle mani degli stessi “burattini mafiosi” che componevano il governo precedente alla presa di potere del “comandante” Hugo Chavez. Dopo circa 15 anni di sviluppo e di redistribuzione di ricchezze, che hanno portato a una sanità pubblica per tutti ed efficiente, al debellare l’analfabetismo, ad essere veramente gestori e fruitori dei proventi delle proprie immense risorse petrolifere, ora sembra che “chi governa il Mondo” abbia deciso diversamente. Cambieranno i burattini, che oggi si incarnano in un non meglio illegittimo trentacinquenne di nome Guaidò, ma i manovratori restano sempre gli stessi di sempre. Peccato che, come è possibile vedere ad ogni longitudine del globo terrestre, dalla Siria alla Palestina, passando per l’Africa, a subire siano sempre le comunità locali, che spesso viene chiamato “popolo”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.