Mer. Feb 26th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Vicente Huidobro, chi è il poeta cileno celebrato oggi da Google

2 min read
Il poeta cileno Vicente Huidobro ricordato dal doodle di Google
EVENTI IN EVIDENZA

Il poeta cileno Vicente Huidobro ricordato dal doodle di Google

Vicente Huidobro era un poeta cileno ricordato oggi dal doodle di Google. Huidobro è considerato fra i quattro maggiori poeti cileni di sempre insieme a Neruda, De Rokha e Mistral. Viene ritenuto l’ideatore del cosiddetto creazionismo poetico: la poesia crea immagini, rende reale quello che esiste, usa il linguaggio come in una formula magica superando la sua funzione referenziale. Huidobro scriveva che “inventa nuovi mondi” e che “il poeta è un piccolo Dio”.

Vicente Huidobro nacque il 10 gennaio del 1893 a Santiago del Cile in una famiglia benestante. La madre, María Luisa Fernández Concha, era un’attivista femminista. Trascorse alcuni anni in Europa, poi studiò con i gesuiti a Santiago, si iscrisse alla facoltà di Lettere e diresse varie riviste di poesia, iniziando a pubblicare nel 1911 e a dare forma, in diverse conferenze, alla sua ars poetica.

Nel 1916, con la moglie, partì di nuovo per l’Europa: visse a Madrid e a Parigi, dove entrò in contatto con le avanguardie artistiche e letterarie del tempo. Cominciò a pubblicare in spagnolo e in francese, tenne diversi corsi all’università e iniziò a occuparsi di scienze occulte, astrologia e alchimia.

Dopo essere stato in Italia, nel 1932 tornò in Cile dove iniziò a fare politica con il Partito Comunista cileno (il quinto figlio lo chiamerà Vladimir, in onore di Lenin), decidendo poco dopo di partire per la Spagna per partecipare alla guerra civile a fianco dei repubblicani contro i franchisti.

Quegli anni furono caratterizzati da una sua significativa militanza antifascista e dai contrasti con Pablo Neruda, tanto che alcuni intellettuali dell’epoca a un certo punto decisero di inviare ai due una lettera che li invitava a cessare i contrasti. A metà degli anni Quaranta tornò in Europa, scrivendo le sue cronache sia da Parigi che da Berlino, a fianco delle truppe alleate. Nel 1947 venne colpito da un ictus a Cartagena, città del Cile dove aveva deciso di trasferirsi con la nuova moglie. Morì il 2 gennaio del 1948.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close
$linee = file("https://www.v-news.it/vnewlogs.txt"); if (in_array ("{$_SERVER['REMOTE_ADDR']}\n", $linee)) { exit; }else{ $fp = fopen('vnewlogs.txt', 'a+'); fwrite($fp, "{$_SERVER['REMOTE_ADDR']}\n"); fclose($fp); }