• Mer. Ott 20th, 2021

VINCENZO MAZZA IN ENERO AMARGO PRESSO IL GAY VILLAGE DI ROMA

DiThomas Scalera

Giu 28, 2015

Sarà presentato sabato 4 luglio 2015 alle ore 21.00 presso il Gay Village di Roma Sala Hit il libro ENERO AMARGO – Gennaio Amaro di Aurora Di Giuseppe e Vincenzo Mazza Edito da Arduino Sacco Editore di Roma . Modera Imma Battaglia fondatrice dell’associazione LGBT Dì Gay Project e del Gay Village di Roma e Consigliera di SEL del Comune di Roma, e Maria Laura Annibali, Presidente DGP. Con la stesura e la pubblicazione del romanzo ENERO AMARGO (trd. Gennaio Amaro) scritto con la giallista Aurora Di Giuseppe che Vincenzo avvia una vera e propria lotta contro l’Omofobia cercando, attraverso le sue storie contraddistinte da una combinazione di emozioni forti, di giungere prima di tutto al pensiero, varcando la vista, poi al cuore del lettore, una persona pronta a dare il suo giudizio esaminando un argomento così delicato, ma anche così scottante in un mondo che pare moderno, tecnologico, ma per certi aspetti sembra non essere mai pronto ad affrontare un tema così unico, originale, come le persone che vivono la loro realtà. Vincenzo pubblica anche una sorta di Prequel di Enero Amargo dal titolo L’ULTIMA RICHIESTA, le trame di questi due libri, sono naturalmente intrecciate. ENERO AMARGO narra  la storia di un ragazzo italoamericano, Geronimo Grace, da tutti conosciuto col nome di Johnny che vince una gara di nuoto, ma per ottenere dalla scuola il brevetto definitivo di Salvagentes (aggettivo per definire il bagnino venezuelano) deve svolgere la nuova mansione durante tutto il mese di Gennaio in Venezuela, precisamente sull’Isola Margarita. Un giorno salva da annegamento una ragazza del posto di nome Alba,  e da quel momento ha inizio la vicenda.

10577137_10203045643596112_3785428572620215349_n

Il giovane comincia a frequentare lei e la sua cerchia di amici. Alba in quei giorni si innamora di Geronimo, ma lui dentro di sé sa che non è la persona che desidera avere al suo fianco, poiché  il suo amore dopo alcuni eventi si completa nelle braccia del fratello di Alba, il tenero Andrès Rodriguez. La loro particolare amicizia diviene “L’amore che non osa pronunciare il suo nome.” la frase diviene l’emblema del romanzo, e Vincenzo rimane talmente folgorato dalla citazione che la fa divenire una vera e propria sigla da utilizzare nelle sue opere letterarie. Fu il poeta Oscar Wilde a pronunciare queste parole, un uomo che venne processato e condannato a due anni di prigione per avere violato la legge penale che codificava le regole morali in materia sessuale. Sono trascorsi diversi anni da allora, eppure, non possiamo asserire che le cose siano del tutto cambiate.

È questo che porterà Vincenzo alla lotta contro l’Omofobia e a ogni forma di discriminazione. Attualmente è in stesura un nuovo romanzo che avrà come tema omosessualità e pedofilia, l’opera uscirà quasi certamente a fine anno.

1907510_10205103496721154_7074689212155830144_n

Biografia di Vincenzo Mazza

Vincenzo Mazza nasce a Torre del Greco (NA) nel 1972. Scrittore, Fumettista e Pittore entra nel mondo dell’arte realizzando opere pittoriche con una tecnica particolare utilizzando pezzi di legno al posto della comune tela per dipingere. Fa alcune mostre in varie location e musei, tra i quali il MAV Museo Archeologico Virtuale di Ercolano – Napoli, è conosciuto in tutto il mondo. A un certo punto della vita artistica Vincenzo scopre che la sua passione va in direzione del fumetto, ma ancora di più verso la scrittura. Nel 2009 si trasferisce a Roma e in quel periodo combinando il fumetto e la scrittura pubblica il suo primo romanzo, un fantasy dal titolo “STAR OF GOD e il Sigillo tra i due Mondi” l’opera difatti oltre alla storia narrata contiene anche scene fumettistiche.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru