• Dom. Ott 17th, 2021

Violenza. Parliamone insieme

DiThomas Scalera

Gen 8, 2018

Cercavo un esempio semplice, pensavo ad caso concreto, non complicato che esplicasse come e quanto possiamo essere tutti vittime di violenza, quando stamattina, parcheggiando nei pressi del mio ufficio, vedo un gruppetto di persone e un leggero caos, di prima battuta non riesco a dare peso alla cosa, poi dopo aver parcheggiato la curiosità prende il sopravvento e capisco l’accaduto.

Un ragazzo aveva deciso di lasciare la sua fidanzata, e lei aveva deciso di dare fuoco alla sua macchina, intento riuscito dato che metà della macchina era stata incendiata. E da lì penso, ma perché concentrare la mia rubrica su fatti di cui si è già parlato, di cui certo non si parla mai abbastanza, ma che sono stati affrontati già in diverse occasioni, perché non cercare una riflessione comune. Quanto successo stamattina è un esempio chiave di violenza: ci ricorda che siamo tutti possibile vittime di violenza, che la violenza non ha genere, difatti è un uomo che la subisce e ci ricorda di quanto è facile agire con violenza. La signorina non ha bussato a casa dell’ormai ex fidanzato, cercando di capire, di creare una dialettica, di recuperare un rapporto, di salvare il salvabile, ma ha preferito incendiargli l’auto. Cosa scatta in noi e ci spinge all’aggressione, perché i sentimenti non riescono più ad essere sani, ma sfociano in una forma malata. Credo che questi due fidanzati si siano amati, si siano rispettati, abbiano vissuto dei momenti felici, poi qualcosa può non essere andato, poi qualcosa può aver incrinato la loro relazione, ma nulla legittima una violenza. La violenza non può e non deve essere una risposta, mai.

Casagiove, due donne scippate in un negozio sulla Nazionale Appia

Olio Santo per atti sessuali; arrestato “Don” Pio Guidolin

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru