• Gio. Lug 7th, 2022

Vittime civili trucidate dai tedeschi a Marcianise, la battaglia di Donato Musone

Vittime civili trucidate dai tedeschi a Marcianise 78 anni fa, la battaglia di Donato Musone per una lapide commemorativa

Una richiesta ufficiale e formale di intervento per onorare, dopo 78 anni, con una lapide, la memoria delle vittime civili della Città di Marcianise (Caserta), trucidati dai tedeschi nel 1943 durante la II Guerra Mondiale ed applicazione della Legge 25.1.2012 n.9 “Istituzioni della giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo”. A sostenerla è Donato Musone, cultore e divulgatore di storia patria, animatore culturale, autore di numerose pubblicazioni di storia locale e ideatore di “Risvegli Culturali“, l’associazione e biblioteca privata con sede ubicata in quelli che furono i locali dove nacque Federico Quercia in via Duomo a Marcianise. Per perorare la causa Musone ha scritto una missiva indirizzata al Prefetto di Caserta, all’Associazione delle Vittime Civili della II Guerra Mondiale, al sindaco ed ai consiglieri comunali di Marcianise, al Ministero per l’Istruzione e le sue varie diramazioni regionali e provinciali, a tutte le scuole di Marcianise, e per conoscenze al Presidente della Repubblica Mattarella, il Ministro della Difesa Guerini e il Ministro dell’Interno Lamorgese.

A seguito dell’approvazione della Legge 25 gennaio 2017, n. 9 “Istituzione della giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo” – scrive Donato Musone – chiede di essere ricevuto dalla S.V. o suo Delegato, come già richiesto a p.2 del Dossier in riferimento, affinché si intervenga per sollecitare l’Amministrazione Comunale di Marcianise, ad onorare con una lapide, dopo ben 78 anni, la memoria dei nostri concittadini martiri civili trucidati dai Tedeschi nel 1943. Si tratta di: Cecere Vito, nato a Marcianise 8 aprile 1900, fu Stefano e Tartaglione Maddalena, via De Felice nr.11. Trucidato il 3 ottobre 1943. Contadino di anni 43. Dal registro delle sepolture anno 1943 fu sepolto nel Cimitero di Marcianise nella Congrega del Crocifisso loc. 18; Tommaso Mandile, nato a Napoli, fu Francesco e Palma Grazia. Trucidato il 4 ottobre 1943, Marittimo di anni 45. Dal registro delle sepolture anno 1943 fu sepolto nel Cimitero di Marcianise nella zona Inumazioni nr.8 fosso 31; Donato Piccirillo, nato a Marcianise il 16 ottobre 1924, di Donato e Letizia Maddalena, Trucidato il 4 ottobre 1943, Contadino di anni 69. Dal registro delle sepolture anno 1943 fu Sepolto nel Cimitero di Marcianise nella Congrega dell’Agonia di Gesù. Loc. nr. 51; Gaetano Sibona, nato a Marcianise il 24 ottobre 1922, fu Bartolomeo e Ferraro Maria Gaetana, res. in via Luigi Carbone. Trucidato il 3 ottobre 1943, Bracciante di anni 21. Dal registro delle sepolture anno 1943 fu sepolto nel Cimitero di Marcianise nella zona Inumazioni nr.8, fosso 30; Giovanni Tartaglione, nato a Marcianise il 20.11.1925, fu Pasquale e Iadicicco Marianna, res. In via Giulio Foglia n.43. Trucidato il 4 ottobre, Bracciante di anni 18. Dal registro delle sepolture anno 1943 fu sepolto nel Cimitero di Marcianise nella zona Inumazioni nr. 8, fosso 29; Raffaele Valletta, nato a Marcianise, fu Giuseppe, Rammaro. Trucidato il 4 ottobre 1943, di anni 62. Dal registro delle sepolture anno 1943 fu sepolto nel Cimitero di Marcianise nella zona Inumazioni nr.8, fosso 28.

La missiva è accompagnata da un dossier e da un esempio di lapide commemorativa con i nomi delle vittime da ricordare. “Così – spiega Musone – si permetterà alle scuole del territorio e ai  nostri cittadini  “di capire la guerra dalle voci delle vittime civili di ieri e di oggi”.

Donato Musone (Risvegli Culturali) con il prof. Giuseppe Galasso (1929-2018), storico, giornalista, politico e professore universitario italiano che fu per molti anni presidente della Società napoletana di storia patria
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa