Alto CasertanoMarzano AppioNewsPolitica locale

Marzano Appio: il via alla campagna elettorale

Grande fermento per la campagna elettorale in quel di Marzano Appio: il 26 di questo mese ci si appresterà ad eleggere anche il nuovo sindaco. Un fermento che ha visto protagonisti in primis i candidati e i loro seguaci che non hanno perso l’occasione di fare propaganda politica neanche durante la processione del venerdi santo attraverso la loro  semplice passiva partecipazione.

Ma sconcertante è il fatto che questa campagna avverrà con la sedia vacante del sindaco: poco prima del lungo ponte pasquale il sindaco Carlo Eugenio Ferrucci è decaduto perché la sua maggioranza non ha approvato il bilancio. Alla base di questo gesto, come si legge in una saccente lettera depositata al comune,  c’è la disapprovazione di una politica Ferrucci “quale arte del compromesso” e  che non ha avuto “come unico fine il perseguimento del bene comune e l’interesse della comunità amministrata”, fine che, diversamente, viene perseguito dalla maggioranza. Che la verità, invece, sia l’interesse politico e personale delle parti coinvolte? Possibile che i valori e i principi che hanno guidato fino a questo momento l’amministrazione, come si sottolinea più volte, vengano meno improvvisamente proprio a poca distanza dall’ ufficializzazione delle nuove liste? Fatto sta che, proprio in nome di quel bene comune e di quell’interesse della comunità, si è preferito lasciare il povero paesello nelle mani di un commissario: se è così, non si poteva fare prima?

Una vede candidato a sindaco Americo Caldarone, professore e commercialista: “mai visto” si potrebbe udire in giro, eppure non è la prima volta che lo si vede candidato in una lista elettorale. Continuatore della politica dell’uscente sindaco che per di più ha voluto lasciare in eredità anche il figlio ventiduenne, si porta dietro figure già note del mandato precedente: Antonio Tedesco, Tony Angelone, Andrea Terranova. Ma non mancano volti nuovi: Luca Trapanese, ormai noto anche al pubblico nazionale per la sua coraggiosa scelta e per la sua associazione A Ruota Libera insediatasi anche nel nostro Parco; Pasqualina Salzillo e Jessica De Luca, Alfonso De Quattro, Alfredo Valentino e Giovanni Integlia, responsabile in passato di un call center. Il programma di “Progresso e futuro per Marzano” si impronta sulla soluzione dei problemi reali e non può che seguire l’indole del capolista: si rivolge per lo più all’incentivazione dell’apparato economico, ma pone l’attenzione anche all’urbanistica e alle opere infrastrutturali del paese e delle frazioni, con un occhio di riguardo maggiore per quelle da cui provengono i candidati della lista, all’ambiente e alla natura,  alla pubblica istruzione, alla cultura, allo sport e si fa promotore di politiche sociali, come quella volta all’integrazione degli immigrati.

Nel frattempo, per il paese sono stati affissi anche i programmi delle due liste.

Non senza la stessa fantasia in onomastica, si presenta la lista “Insieme per il futuro di Marzano” che vede come candidato a sindaco l’avvocato Antonio Conca, certamente già di casa e non nuovo. Si trascina dietro nomi già sentiti nella lista di 5 anni fa, Giovanni Leardi, Raffaele Luigi De Maio, Domenico Campanile, Diana Galano e Francesco De Cunto, ma la rinfresca da una parte con il volto già politico di  Carmine Caldarone, dall’altra con quelli nuovi e  giovani di Valerio Crudale, Stefania Forlingieri, Giocondina Dolce e Cristian Cioffi. Il suo programma esordisce nella didascalia mettendo al centro della vita amministrativa le persone e, quale lista in cui prevalgono per lo più giovani, non poteva non iniziare rivolgendosi a questa fascia d’età. Ma pone l’attenzione anche su altro: la sanità e l’assistenza sociale, i lavori pubblici quali il potenziamento del gas-metano anche là dove non c’è, promozione sportiva e culturale, attenzione alle scuole, valorizzazione del territorio, dei suoi prodotti  e lotta al cinipide, attenzione all’ambiente e all’integrazione degli immigrati. Un programma ricco e articolato, ma che si mantiene per lo più sul generico.

Questi per ora i programmi affissi su carta e, intanto, già ci si affanna alla richiesta dei voti con l’appello agli pseudo-aiuti trascorsi e ai favori. Eppure, si sa: in campagna elettorale tutto è permesso e ciò che conta sono le parole e le promesse, postume le azioni, sempre se ci saranno.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.

0 %
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: