• Gio. Ott 28th, 2021

Momenti da Far West al Tribunale di Milano dove perdono la vita 3 persone.

DiThomas Scalera

Apr 9, 2015

Imputato per bancarotta fraudolenta uccide un giudice fallimentare e un testimone

trib_milano

E’ notizia di pochi minuti fa. Un killer, riconosciuto nell’immediato essere l’imputato Claudio Giardiello, poco dopo

le 10.30 di questa mattina si introduceva nelle stanze del Tribunale di Milano e, armato di pistola faceva fuoco uccidendo il giudice Fernando Ciampi, Presidente della sezione fallimentare ed altre due persone.

Un altra vittima accertata è l’avvocato Lorenzo Alberto Claris Appiani. Incertezza sull’identità della terza vittima.

Pare che il Giardiello fosse un imputato accusato di bancarotta.

Attimi di panico e di terrore all’interno del Tribunale che è stato evacuato immediatamente dalle forze dell’ordine che al momento sta presidiando l’area.

“ABBIAMO SENTITO 3 O 4 COLPI”

«Mi trovavo nell’aula a fianco, al terzo piano del tribunale sul lato che si affaccia su via Manara, quando abbiamo sentito 3 o 4 colpi di pistola», ha raccontato l’avvocato Marcello Elia, che ha assistito – seppure indirettamente – alla sparatoria scoppiata poco prima delle 11 di stamattina al tribunale di Milano. Secondo il racconto di Elia «nella nostra aula sono subito accorsi molti carabinieri, che ci hanno ingiunto di non uscire». «Ho sentito degli spari e ho visto un uomo con una gamba insanguinata, ho avuto paura e sono scappato», ha riferito un altro testimone.

LA PAURA IN STRADA

L’edificio è stato evacuato dopo pochi minuti. Molte persone erano già fuggite e le forze dell’ordine hanno invitato tutti gli altri presenti ad uscire. Centinaia di persone si sono riversate in strada davanti alle diverse uscite del tribunale. Dopo la sparatoria è stato sospeso il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per consentire alle forze dell’ordine di coordinare gli interventi. Il sindaco Pisapia ha invece lasciato la Prefettura per raggiungere il tribunale.

LA POLEMICA SULLA SICUREZZA

Il grande interrogativo è sulla sicurezza. Come può un uomo con un’arma da fuoco aver eluso i controlli? Il tutto a meno di tre settimane dall’inaugurazione di Expo. «Mi sembra incredibile quello che è successo. Non è possibile – ha detto un testimone che era all’interno del palazzo – che una persona possa entrare armata in un tribunale soprattutto in un periodo in cui i controlli dovrebbero essere più forti».

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru