• Mer. Ott 20th, 2021

Aversa. Cantiere dei rifiuti, non tutto va come deve andare. Ecco le segnalazioni della Flaica CUB

DiThomas Scalera

Mar 22, 2017

AVERSA. Abbiamo ritenuto doveroso segnalare alla SENESI quanto segnalato dai dipendenti del cantiere di Aversa, i quali hanno riferito alla scrivente che non tutti indossino le divise ed i regolari D.P.I. fornite regolarmente dall’azienda. Un malcostume che interessa tutto il settore e che contribuisce a danneggiare ulteriormente uno dei mestieri più antichi al mondo. Sembra che l’obbligo di indossare la divisa non sia gradito a qualcuno, soprattutto a coloro che svolgono mansioni di caposquadra, i quali dovrebbero essere di buon esempio per i colleghi. Ma purtroppo c’è di più, come spesso accade, in questo caso ad Aversa alcuni capisquadra si dimenticando i reali compiti che gli sono stati conferiti dall’azienda ed iniziano ad impartire ordini secondo un principio al limite della legalità con atteggiamenti minacciosi. Per queste ragioni abbiamo richiesto all’azienda un intervento di verifica in merito all’obbligo, per tutti gli operatori impiegati nell’aerea operativa, di indossare la divisa ed i dispositivi di protezione individuale, come allo stesso modo abbiamo richiesto una ricognizione dell’intero parco automezzi in quanto risulta che alcuni di essi risultano danneggiati e di difficile utilizzo, una lacuna che mette a rischio l’operato dei lavoratori a partire dagli autisti. Per quanto ci riguarda la salute e la sicurezza vengono prima di ogni cosa, soprattutto nel settore igiene ambientale, a differenza di altre Organizzazioni Sindacali che o assecondano oppure utilizzano questo delicato argomento solo quando si presentano problematiche relative ai mancati pagamenti delle retribuzioni.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru