• Sab. Ott 16th, 2021

Caserta. Disabili adulti dimenticati, UGL Medici e UGL Sanità chiedono incontro all’Asl

CASERTA. La mancata attuazione della delibera n. 440 del 05/04/2018 del 4 marzo,

ha richiesto l’intervento della UGL che chiedeva, il 20 novembre 2018, un incontro all’Asl.

Il 28 novembre vi fu la riunione dove il segretario UGL Medici Luciano Gentile chiese di deliberare la legge a favore delle strutture adeguate anche per i disabili adulti costretti ad oggi, a stare a casa senza poter socializzare.

Dall’incontro di novembre non vi è stato alcun cenno da parte dell’Asl e la UGL Medici e UGL Sanità hanno scritto nuovamente alla Direzione Generale dell’Asl Caserta 2 per chiedere un incontro “per poter portare un contributo fattivo a tutte le iniziative che interessano il buon andamento della sanità casertana, specie per i disabili”.

La proposta di collaborazione, presentata la prima volta lo scorso 20 novembre, è rimasta finora inascoltata. Intanto, nella lettera inviata oggi (venerdì 11 gennaio 2019), il Segretario Provinciale di UGL Medici Luciano Gentile e la Segretaria Provinciale di UGL Sanità Patrizia De Rosa scrivono che “alcuni provvedimenti adottati in quest’Asl, sia nell’ambito lavorativo che organizzativo, hanno suscitato delle perplessità da parte di questo Sindacato”.

In particolare, si evidenzia la mancata attuazione, segnalata da alcune famiglie interessate della delibera n. 440 del 05/04/2018 sul Dipartimento Funzionale della Fragilità. “Qualsiasi problema può essere discusso – afferma il Dott. Luciano Gentile – ma la priorità è comunque non lasciare indietro i disabili, per di più autistici. Non è ammissibile. Se non avremo risposte serie porteremo le famiglie dei nostri ragazzi in piazza”.

Leggi anche:

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru