Mer. Mag 27th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta. Disabili adulti dimenticati, UGL Medici e UGL Sanità chiedono incontro all’Asl

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

CASERTA. La mancata attuazione della delibera n. 440 del 05/04/2018 del 4 marzo,

ha richiesto l’intervento della UGL che chiedeva, il 20 novembre 2018, un incontro all’Asl.

Il 28 novembre vi fu la riunione dove il segretario UGL Medici Luciano Gentile chiese di deliberare la legge a favore delle strutture adeguate anche per i disabili adulti costretti ad oggi, a stare a casa senza poter socializzare.

Dall’incontro di novembre non vi è stato alcun cenno da parte dell’Asl e la UGL Medici e UGL Sanità hanno scritto nuovamente alla Direzione Generale dell’Asl Caserta 2 per chiedere un incontro “per poter portare un contributo fattivo a tutte le iniziative che interessano il buon andamento della sanità casertana, specie per i disabili”.

La proposta di collaborazione, presentata la prima volta lo scorso 20 novembre, è rimasta finora inascoltata. Intanto, nella lettera inviata oggi (venerdì 11 gennaio 2019), il Segretario Provinciale di UGL Medici Luciano Gentile e la Segretaria Provinciale di UGL Sanità Patrizia De Rosa scrivono che “alcuni provvedimenti adottati in quest’Asl, sia nell’ambito lavorativo che organizzativo, hanno suscitato delle perplessità da parte di questo Sindacato”.

In particolare, si evidenzia la mancata attuazione, segnalata da alcune famiglie interessate della delibera n. 440 del 05/04/2018 sul Dipartimento Funzionale della Fragilità. “Qualsiasi problema può essere discusso – afferma il Dott. Luciano Gentile – ma la priorità è comunque non lasciare indietro i disabili, per di più autistici. Non è ammissibile. Se non avremo risposte serie porteremo le famiglie dei nostri ragazzi in piazza”.

Leggi anche:

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close