Mer. Nov 13th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Perché si dice “a caval donato non si guarda in bocca”?

1 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Questo diffuso modo di dire della tradizione linguistica italiana deriva da una citazione di San Girolamo, il quale, suggerisce di apprezzare e gioire di qualsiasi dono ricevuto, a prescindere dal valore o dall’aspettativa che si aveva al riguardo.

La citazione letterale recita: “Noli equi dentes inspicere donati ” , che traduciamo con ” Non si devono guardare i denti del cavallo ricevuto in dono”. Ad un occhio esperto, la dentatura del cavallo fa comprendere due cose fondamentali: il suo stato di salute e la sua età.

In passato possedere un cavallo era un privilegio ed è facile comprendere perché ricevere un dono del genere era una cosa molto gradita, indipendentemente dalle condizioni fisiche dell’animale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close