Ven. Mag 29th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Reddito di Cittadinanza. “ci sono più richieste al nord perché è pieno di meridionali”

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Il singolare attacco fatto sotto un articolo del Fatto Quotidiano (qui) dove Ermanno Acciardi, attivista grillino dell’Alto Casertano del Meetup di Teano è stato attaccato pesantemente da alcuni utenti, che gli hanno dato anche (in soldoni) dello stupido e del ritardato.
Tutto solo per aver scritto, con un commento palesemente ironico, “Azz ma non era il popolo dei lavoratori? Cazzarola, il divano non conosce limiti geografici 😂😎”
Alcuni commenti sono realmente delle perle.

MACCHÈ "RIVOLTA"La Lombardia e il Piemonte tra le cinque regioni con più richieste (di Marco Palombi)

Gepostet von Il Fatto Quotidiano am Montag, 11. März 2019

“Studia le proporzioni. A numeratore uguale (numero di richieste), ma denominatore maggiore (numero popolazione e famiglie) corrisponde quoziente minore. Ergo il reddito va al sud perché delle poche persone che ci sono, molte prendono il reddito. Mentre al nord ha le stesse richieste ma con milioni di famiglie e persone in più. Peccato, è solo matematica di seconda media.”

Questa che a tutti è sembrata una vera e propria “supercazzola prematurata” è una delle frasi più lunghe, ma anche gli altri non si sono fatti aspettare.

Secondo uno dei “commentatori accaniti” il ci sarebbero più richieste al nord perché metà della popolazione del Nord è proveniente dal sud.
Una cosa evidentemente sbagliata, perché non avrebbe senso vivere lontani da “casa” e percepire il reddito di cittadinanza. Un evidente stato di ignoranza sulla materia, che spesso porta le persone, specialmente sul Social, ad esprimere giudizi sommari e privi della necessaria comprensione dell’argomento di cui si parla.

Umberto Eco aveva ragione, ma molto più di quello che credeva. La situazione è veramente sfuggita di mano, e le legioni sono diventati eserciti.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close