• Sab. Ott 16th, 2021

Reddito di Cittadinanza. "ci sono più richieste al nord perché è pieno di meridionali"

Il singolare attacco fatto sotto un articolo del Fatto Quotidiano (qui) dove Ermanno Acciardi, attivista grillino dell’Alto Casertano del Meetup di Teano è stato attaccato pesantemente da alcuni utenti, che gli hanno dato anche (in soldoni) dello stupido e del ritardato.
Tutto solo per aver scritto, con un commento palesemente ironico, “Azz ma non era il popolo dei lavoratori? Cazzarola, il divano non conosce limiti geografici 😂😎”
Alcuni commenti sono realmente delle perle.

“Studia le proporzioni. A numeratore uguale (numero di richieste), ma denominatore maggiore (numero popolazione e famiglie) corrisponde quoziente minore. Ergo il reddito va al sud perché delle poche persone che ci sono, molte prendono il reddito. Mentre al nord ha le stesse richieste ma con milioni di famiglie e persone in più. Peccato, è solo matematica di seconda media.”

Questa che a tutti è sembrata una vera e propria “supercazzola prematurata” è una delle frasi più lunghe, ma anche gli altri non si sono fatti aspettare.

Secondo uno dei “commentatori accaniti” il ci sarebbero più richieste al nord perché metà della popolazione del Nord è proveniente dal sud.
Una cosa evidentemente sbagliata, perché non avrebbe senso vivere lontani da “casa” e percepire il reddito di cittadinanza. Un evidente stato di ignoranza sulla materia, che spesso porta le persone, specialmente sul Social, ad esprimere giudizi sommari e privi della necessaria comprensione dell’argomento di cui si parla.

Umberto Eco aveva ragione, ma molto più di quello che credeva. La situazione è veramente sfuggita di mano, e le legioni sono diventati eserciti.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru