campaniaCronacaNews

Sant’Agata de’ Goti. Focolaio di salmonella in un’azienda avicola: i dettagli

EVENTI IN EVIDENZA

Controlli all’interno di un’azienda avicola avente sede nel Comune di Sant’Agata de’ Goti

SANT’AGATA DE’ GOTI (BN). I Carabinieri Forestali di Sant’Agata de’ Goti, con la collaborazione del personale dell’ASL Servizio Veterinario Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche di Benevento, hanno effettuato diversi accertamenti nelle aziende avicole, mirati alla verifica dell’adozione, da parte delle stesse, di misure adeguate ed efficaci all’individuazione delle salmonelle, responsabili di malattie infettive trasmissibili anche all’uomo tramite il consumo di alimenti contaminati da tali batteri.

Mediante questa tipologia di controlli, all’interno di un’azienda avicola dove vengono prodotte e distribuite uova fresche, avente sede nel Comune di Sant’Agata de’ Goti, si è accertata, con accurate analisi e capillari campionamenti la presenza di un focolaio di “Salmonella Enteritidis”.  A seguito dell’accertamento di tale problematica sanitaria, in data 11/02/2020, si è proceduto all’abbattimento di circa 1.100 galline ovaiole, alla distruzione di 54.900 uova. Si è provveduto, inoltre, a porre sotto sequestro sanitario tutti i lotti di uova, provenienti dall’azienda e già immessi sul mercato per la vendita al pubblico.

I controlli presso le aziende avicole proseguiranno anche nei prossimi mesi, con l’obiettivo di fornire garanzia di sicurezza ai consumatori, partendo dal presupposto che le uova e gli ovo prodotti sono tra le maggiori fonti di infezione sostenute da salmonella nell’uomo e che la salmonellosi, pur non essendo una patologia con mortalità elevata, è la seconda malattia di origine alimentare più comune nell’Unione Europea.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:campania