• Mar. Ott 26th, 2021

Un Ministero per Internet

DiThomas Scalera

Mar 7, 2014

 

Dalle recenti leggi antiweb si è potuto capire che il governo attuale, ma anche quelli precedenti, non capisce niente di Internet e di Socio-Digitalizzazione.
Non pochi sono quelli che ipotizzano di istituire un “Ministero di Internet e della Digitalizzazione”.
Qualcuno direbbe : “A che Serve ?” .
Bene ecco a cosa serve:

  1. Portare l’Italia verso lo sviluppo massivo di piattaforme software di e-government ed e-democracy.
  2. Accesso ad internet libero per tutti i cittadini, nonché supporto di fibra ottica in tutto il territorio nazionale.
  3. Utilizzo dell’open source e del free software nella pubblica amministrazione e nelle scuole.
  4. Uso di lavagne multimediali, registri elettronici, e tablet PC nelle scuole pubbliche.
  5. Mettere l’Informatica come materia fondamentale per tutti i corsi di studi con indirizzo scientifico.
  6. Digitalizzazione di tutto il patrimonio artistico, culturale e gastronomico italiano, mediante totem digitali che si alimentano mediane l’Energy Scavenging.
  7. Corsi, intrascolastici, per tutelarsi dal cyberbullismo e dalla pedopornografia.
  8. Automatizzazione di tutti i processi burocratici entro il 2020.
  9. Corsi, finanziati dai comuni, per i non nativi digitali.
  10. Incentivi per tutte le aziende e startup che investono nel web, rendendole esenti da tassazioni per i primi 3 anni.

Sono 10 punti, tutti fattibili, che se applicati, grazie all’istituzione di un Ministero di Internet e della Digitalizzazione, darebbero al nostro paese un salto di qualità in termini di socio-digitalizzazione e che porterebbero l’Italia, da questo punto di vista, tra i primi 10 paesi nel mondo.

Portare la nostra società ad affrontare queste tematiche è essenziale per poter progredire e metterci al passo con il resto del mondo.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru