Mar. Ott 22nd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta – Strisce blu in Corso Trieste, il Coasca protesta

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

“E’ inaudito permettere il parcheggio delle auto sul corso Trieste a Caserta solo per far cassa!” Ad affermarlo con rabbia ed amarezza il presidente del Coordinamento delle Associazioni Casertane Marcello Natale, dopo le tantissime lamentele pervenutegli da parte di tutti gli associati, Direttivo compreso, all’indomani della decisione assunta lo scorso 22 dicembre dal Commissario Straordinario Maria Grazia Nicolò, di far parcheggiare le auto sulle strisce blu predisposte sul corso Trieste. “E’ veramente un grave errore – aggiunge lo stesso Natale perché contrasta con le più elementari norme di civiltà e di decoro. Il corso è la principale arteria cittadina che, da isola pedonale, si è trasformata ora in un parcheggio autorizzato con oltre 100 stalli. Un’altra nota stonata! L’ennesima che mal si concilia con il “nuovo e orrendo” arredo in allestimento proprio sul corso Trieste”. Il provvedimento segue di poco la pubblicazione della Classifica sulla Qualità della vita redatta dal Sole 24 ore che vede Terra di Lavoro posizionarsi 108esima e perdere altre quattro posizioni in un anno. coasca“Non è ancora svanita la mortificazione di vedere Caserta al terzultimo posto della graduatoria della vivibilità delle città italiane – sottolinea il responsabile del Co.As.Ca – che già si provvede ad affossare ancora di più la nostra città: sono sempre di più le macchine che girano nel centro storico alla ricerca di un posto sulle strisce blu, e che sostano addirittura in doppia fila, contribuendo ad aumentare lo smog e l’inquinamento cittadino”. Non è però l’inquinamento, argomento all’ordine del giorno in tante città d’Italia alle prese con il superamento delle polveri sottili, il motivo alla base della delibera commissariale n. 102 del 22 dicembre scorso. “Eppure – fa notare Marcello Natale il primo responsabile della salute dei cittadini è proprio il sindaco o chi per esso, invece il Commissario Nicolò, a quanto pare, si è dimostrata sensibile solamente alle lamentele della società che gestisce la sosta a pagamento in città, preoccupata della perdita dei posti auto in corso Giannone e via G.M. Bosco e che è andata a recuperarli sul corso Trieste”. NataleDunque Il Coasca esprime il massimo disappunto per questa ordinanza, giudicandola inoppor tuna e addirittura nefasta e chiede pertanto di sospendere il provvedimento per la tutela della salute dei cittadini e del decoro del strada principale della città capoluogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open