Ven. Ott 18th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Benevento. La Suprema Corte annulla la condanna per il narcotrafficante sannita Nicola Fallarino: processo da rifare

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Riceviamo e pubblichiamo.

BENEVENTO. Appariva scontata la conferma da parte della Corte di Cassazione della penale responsabilità del pregiudicato beneventano Nicola Fallarino per il delitto di detenzione e di cessione di un consistente quantitativo di crak ed eroina pari a ben 311 grammi di stupefacente.

Le prove a carico dell’accusato sembravano schiaccianti ed erano  rappresentate da plurimi servizi di osservazione, controllo  e pedinamento, attività  investigativa sfociata nel fruttuoso sequestro della drogapure divisa in larga parte in dosi oltre al sequestro  di un bilancino di precisione.

Il sequestro fu effettuato in Benevento il 24.10.14, con contestuale  conduzione del Fallarino presso la locale casa circondariale.

La condotta che gli inquirenti attribuivano a Fallarinoera aggravata da due preoccupanti  circostanze : quella di averlo commesso allorquando costui era agli arresti domiciliari e quella dell’essere un soggetto già due volte definitivamente condannato per droga, oltre ad aver a carico anche altri procedimenti penali pendenti specifici.

In primo grado Fallarinofu condannato dal Gup presso il Tribunale di Benevento – dott. Melone – ad anni sei e mesi otto di reclusione, pena già mite alla luce del notevole quantitativo di droga, ma pena che, in data 22.04.16,  dalla Corte di appello di Napoli – V sezione – fu ulteriormente ridotta ad anni cinque e mesi quattro all’esito della esclusione dell’aumento per la recidivagrazie ad un cavillo giuridico introdotto dalla difesa.

Ma ora il castello accusatorio ha ricevuto una significativa battuta di arresto.

La sesta sezione della Suprema Corte, presieduta dal dott. Ippolito, nonostante il Procuratore Generale avesse concluso per il rigetto del ricorso, ha annullato in toto la sentenza di condanna, condividendo in pieno l’articolato ricorso  a firma degli avvocati Dario Vannetiello e Vincenzo Sguera.

La conseguenza è che il processo è completamente da rifare innanzi ad altra sezione della Corte di appello di Napoli.

Nel futuro giudizio i giudici partenopei  si dovranno attenere alle indicazioni ed ai principi di diritto che la Corte di cassazione indicherà nella motivazione della sentenza che di qui a qualche mese sarà resa nota .

Seppur l’esito finale del processo è ancora incerto e tutto può accadere, all’esito del successo della difesa innanzi ai giudici di legittimità  indubbiamente si riapre la possibilità per Nicola Fallarino di lasciare le patrie galere.

Avv. Dario N. Vannetiello  

Leggi anche:

Benevento. Controlli dei Carabinieri nelle aziende agricole: sequestrati prodotti privi di sistemi di tracciabilità

Dragoni. Sorpreso a sversare rifiuti in località “San Marco”: denunciato dipendente comunale

Open