• Lun. Ott 25th, 2021

Calvi Risorta. Giorno della Memoria, proiezione del film “Train de vie” alla Piccola Libreria 80mq

DiThomas Scalera

Gen 24, 2016

Immagine
CALVI RISORTA. E’ sempre importante ricordare la tragedia delle leggi razziali e della Shoah.
E’ fondamentale perché la memoria possa tramandarsi e la misura dell’orrore non sminuirsi nel tempo che, passando, allontana i fatti fino a farli scomparire.
Oggi, di fronte all’intolleranza, agli atti di terrorismo che lasciano sgomenti e attoniti, a una libertà e a una democrazia sempre più minacciate è importante far vedere, far ascoltare, leggere, denunciare e ricordare che ciò che è avvenuto può tornare, in altre forme ma con la medesima violenza. L’antidoto è la consapevolezza, la conoscenza e la memoria, appunto.
La Piccola Libreria 80mq, pertanto, organizza per il 27 gennaio alle ore 21.00, la proiezione del film “Train de vie” – un treno per vivere – capolavoro del regista romeno Radu Mihaileanu, premio FIPRESCI al festival di Venezia del 1998 e David di Donatello come migliore pellicola straniera l’anno seguente.
Il film è una tragicommedia in cui convivono comicità, dramma e malinconia, uniti all’originalità narrativa del regista, capace di affrontare il tema della Shoah in chiave del tutto inedita.
Ingresso Libero
Film

Piccola Libreria 80mq
Piccola Libreria 80mq

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru