• Gio. Ott 21st, 2021

Casagiove. Interdittiva Antimafia alla Impresud di Iavazzi. Casagiove sversa a Pastorano

DiThomas Scalera

Ago 20, 2015

IAVAZZI-315x210

CASAGIOVE. Arrivano le prime ovvie conseguenze dell’interdittiva antimafia a carico della società Impresud dei fratelli Francesco eLello Iavazzi, quest’ultimo patron della Juve Caserta. Sparanise e Caiazzo hanno già proceduto alla revoca della raccolta dei rifiuti. Casagiove, invece, si è regolata diversamente: ieri mattina, i compattatori sono stati “dirottati” sull’impianto Esogest di Pastorano. Una decisione presa dal dirigente Gaetano Rauso che da una parte ha evitato di accumulare i rifiuti, dall’altra suscita perplessità fra i rappresentati dei lavoratori. Elpidio Martuccidella Cisl si chiede ad esempio se non sarebbe stato consigliabile ricorrere a una ricerca di mercato (ovviamente in tempi brevi) per individuare il prezzo migliore. Tenere l’immondizia sui camion è ovviamente una soluzione di emergenza, ma non avrebbe comportato la mancata raccolta, almeno nell’immediato. Martucci fa notare poi un problema che deriva dal provvedimento della Prefettura contro Impresud: la società casertana forniva alla Termotetti l’area di Lo Uttaro dove si trovano le piattaforme e che serviva come cantiere per Casagiove. Da ieri la struttura è chiusa e quindi Termotetti si trova senza un cantiere, condizione necessaria per poter svolgere l’appalto. Verosimile che la vicenda venga discussa nell’incontro fra i rappresentanti della Cisl e l’azienda. Nei giorni scorsi il sindacato ha contestato diversi problemi all’azienda e si spera che il colloquio serva a risolvere le questioni aperte.

Fonte: Vivi Casagiove

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru