Lun. Nov 11th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Domizia street food: E’ scontro tra commercianti e l’Amministrazione. Ecco la denuncia ai N.A.S.

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA
Il documento

E’ scontro frontale tra i commercianti del centro di Baia Domizia e l’amministrazione comunale targata Sasso. In questi giorni in P.zza Paradiso ( luogo al centro delle polemiche per la lite che stava costando caro ad un ragazzo settimana scorsa) si sta svolgendo un evento organizzato dal comune e denominato “DOMIZIA STREET FOOD”. Un evento per cercare di attirare clienti e regalare ai villeggianti un momento di aggregazione. Questa cosa ha scatenato l’ira dei commercianti, che in questi periodi fanno affari, proprio con quei clienti che in realtà ora si spostano tra i stand che vengono montato. Da qui è partita la denuncia fatta da parte di alcuni commercianti del centro ( il vero cuore economico di Baia) ai danni dell’amministrazione ed inviata a tutti gli organi competenti ed addirittura ai N.A.S. I commercianti ci tengono a precisare che non è una battaglia contro gli uomini del comune o contro la manifestazione in sè, ma essendo stati esclusi da qualsiasi forma di collaborazione, la denuncia vuole essere un modo per attirare l’attenzione e mettere anche alcune cose in chiaro. Infatti, la manifestazione si svolge a pochi metri dalle attività, rubando loro quei clienti che permettono un minimo di guadagno. In più non vi sono forme di sicurezza adeguate e regole igienico sanitarie ( si cuoce addirittura la carne alla brace a cielo aperto). Molti degli stand vendono gli stessi prodotti che si possono trovare nei negozi di Baia e questo ha fatto adirare i proprietari che inoltre non erano a corrente di tale evento, mentre altri commercianti invece si. Allora perchè non chiedere a tutti i commercianti, ma solo a chi è vicino all’amministrazione? Questo comporta anche il fatto che tutti i clienti non essendoci i bagni chimici, che in una manifestazione pubblica sono obbligatori, sono costretti, anzi vengono sollecitati proprio dai membri degli stand di usufruire dei bagni del Guaranà, facendo così schizzare alle stelle la tensione. Vi riportiamo qui la denuncia uffiale fatta alle forza dell’Ordine: staremo a vedere i risvolti.

Open

Close