• Dom. Ott 24th, 2021

Maddaloni. "Pastiera 4.0", All'Alberghiero Villaggio dei Ragazzi la formazione è "servita"

MADDALONI. Mercoledì, 3 aprile 2019, gli alunni dell’Istituto Alberghiero “Villaggio dei Ragazzi”, accompagnati dai docenti/chef Giuseppe D’AddioMassimo Nardiello e Enzo Russolillo, hanno preso parte alla prima edizione dell’evento gastronomico “Pastiera 4.0“. La manifestazione, tenutasi nelle Regie Cavallerizze, è stata organizzata dalla Scuola di Alta Formazione Dolce & Salato di Maddaloni e dal Consorzio ricotta di bufala campana dop, con la collaborazione dell’azienda Chirico, eccellenza del grano cotto che è da sempre ingrediente fondamentale della pastiera e non solo. Coinvolti otto chef di pasticceria,Antonio Angora, Salvatore Tortora, Marco Aliberti, Mario Di Costanzo, Michele Cappiello, Vincenzo Faella, Gennaro Peluso e Raimondo Esposito, che si sono cimentati con grande abilità e maestria nella realizzazione della pastiera napoletana tradizionale e della “Pastiera 4.0”, versione “aggiornata” del tipico dolce del periodo pasquale a base di grano e ricotta di bufala. Per l’occasione, gli allievi dell’Alberghiero maddalonese guidato dalla Coordinatrice Giovanna D’Onofrio, hanno preparato per esperti ed imprenditori del settore un primo piatto di grande pregio: ziti rigati con pomodorini del piennolo e spuma di ricotta.

“Un plauso agli organizzatori di questa “dolce” manifestazione, che ha permesso ai nostri studenti di condividere un’esperienza altamente formativa con addetti ai lavori di grande spessore”, ha commentatoFelicio De Luca, Commissario Straordinario della Fondazione Villaggio dei Ragazzi.   “Arricchire le competenze professionali dei nostri studenti, al fine di svilupparne le conoscenze e le attitudini specifiche del settore alberghiero, è una priorità ineludibile di questo Istituto”, ha affermato la Coordinatrice D’Onofrio.

Leggi anche:

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru