Gio. Ott 24th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Mondragone. L’AMBC: “Mondragone e la Campania accomunati dalla stessa sorte rifiuti”

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Comunicato stampa dell’Associazione Mondragone Bene Comune

MONDRAGONE. Il 31 agosto è stata spenta una delle tre linee dell’inceneritore di Acerra. E fra qualche giorno saranno fermate le altre due linee.  La Campania tornerà così in piena emergenza rifiuti. Quella stessa Campania che paga all’Europa una multa da 120mila euro al giorno (ripetiamo, 120mila euro di multa al giorno) perché non risolve il suo sistema di gestione dei rifiuti. La fermata per manutenzione durerà 35 giorni. L’inceneritore rimarrà spento tutto il mese di settembre. Pur sapendo da tempo di tale blocco momentaneo per manutenzione dell’impianto, la regione si è fatta trovare sostanzialmente impreparata e negli ultimi giorni sono scoppiate le proteste di sindaci e comunità che si rifiutano di ospitare siti di stoccaggio temporaneo. Non hanno tutti i torti: noi con la Cantarella ne sappiamo qualcosa di siti provvisori! Cantarella che dovrebbe essere anche in questi giorni oggetto di disinquinamento e bonifica, operazioni sulle quali è piombato- come l’AMBC denuncia da tempo– una spessa coltre di silenzio, nonostante gli impegni dell’assessore Federico a monitorare pubblicamente tutte le fasi, portando a conoscenza della città cosa viene estratto (tipologia di rifiuti), come viene trattato e dove viene  smaltito e come viene bonificato il sito. Intanto, in molte località della provincia di Terra di Lavoro continuano i roghi, continuando così a marchiare questa nostra sfortunata terra come Terra dei Fuochi. Una situazione che permane in una perenne drammaticità e rispetto alla quale- ancora una volta– si è levato, tra gli altri, il grido di don Maurizio Patriciello:  <Vorrei capire come si fa ancora a credere al presidente della Regione De Luca. Che fine hanno fatto i 450 milioni di euro di Renzi per le ecoballe? E il contrasto ai roghi dov’è?>. Come non condividere quanto dichiarato da Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania: “Il sistema di gestione dei rifiuti della Campania continua a essere un labirinto che ha come via d’uscita preferenziale lo smaltimento fuori regione di gran parte dei rifiuti, 800 mila tonnellate all’anno, oltre il 30 per cento del totale, e la quasi totalità della frazione organica. La carenza impiantistica determina da anni un anomalo stoccaggio di rifiuti in siti pubblici e presso impianti privati, con incendi dolosi e aria irrespirabile che esasperano intere comunità”. In questa situazione di totale fallimento delle politiche regionali in tema di rifiuti si innesta poi la situazione “tragicomica” di Mondragone, dove da anni non si riesce ad espletare una gara d’appalto, dove si va avanti e indietro tra stazioni appaltanti diverse, dove si continua ad affidare discrezionalmente il servizio  senza alcuna gara e garanzia, dove in piena estate si è apparecchiata un’emergenza (carica di aspetti incomprensibili!) che ha sfregiato ciò che resta del nostro turismo abborracciato, dove si continua ad avere sporcizia ed immondizia ad ogni angolo della città. Nonostante alcuni obbiettivi raggiunti in tema di rifiuti, soprattutto grazie alla forte ed incessante spinta dei Verdi, le politiche ambientali (e in primis la gestione dei rifiuti) restano uno dei più eclatanti fallimenti di De Luca. Dopo cinque anni questi signori si apprestano a lasciare una regione ancora alle prese con il problema dei rifiuti, ancora soffocata dall’emergenza ambientale e ancora colpita nell’immagine e nel decoro. E Pacifico dopo oltre due anni è sulla stessa cattiva strada. In conclusione, l’Associazione Mondragone Bene Comune fa proprio e rilancia l’importante appello del consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Terra dei Fuochi Francesco Emilio Borrelli. “Ai cittadini chiediamo di continuare con l’attività di denuncia dei fenomeni a loro noti (ndr: roghi, discariche abusive ecc). A tal proposito li invitiamo ad usare l’app  che, attraverso lo smartphone, permette di segnalare i roghi tossici, la presenza di discariche abusive e gli incendi boschivi” – https://play.google.com/store/apps/details?id=eu.techmobile.sma&hl=it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open