• Mar. Ott 19th, 2021

Riardo. Pasquale Funaro riceve la medaglia accademica dell’insegnamento tecnico nel campo della ristorazione in Francia

DiThomas Scalera

Dic 17, 2015
Pasquale Funaro
Pasquale Funaro

RIARDO. Pasquale Funaro, originario di Riardo, pochi giorni fa ha ricevuto la medaglia accademica dell’insegnamento tecnico nel campo della ristorazione. Il 61enne si trova a Sélestat, città francese di 20mila abitanti situata nella regione dell’Alsazia, nei pressi di Strasburgo, dove gestisce il ristorante Abbaye de la Pommeraie. Funaro è emigrato in Francia dal 1972 e ha trasformato la sua passione in una ragione di vita.

Il giornale francese DNA Alsace celebra Pasquale Funaro di Riardo
Il giornale francese DNA Alsace celebra Pasquale Funaro di Riardo

L’importante riconoscimento che gli è stato assegnato premia la sua attività di insegnamento a tutte quelle persone che si cimentano nell’ambito culinario, un settore sempre più in crescita. Il suo ristorante fa parte della catena Relais e Chateaux, la seconda catena di ristoranti più grande al mondo. Nel suo locale si mangiano esclusivamente piatti della gastronomia francese e, dallo scorso marzo, è presente anche un ristorante italiano all’interno della struttura, chiamato ‘Il giardino’. Il giornale francese ‘DNA Alsace’ qualche giorno fa ha celebrato il riconoscimento a Pasquale Funaro, con un articolo all’interno.

Danilo Natale
Danilo Natale

Al ristorante Abbaye de la Pommeraie lavora anche lo chef Danilo Natale (ne abbiamo parlato qui). Il 22enne di Pietramelara è partito poco tempo per la Francia per continuare a fare esperienza in questo campo. “Faccio i miei migliori complimenti al Signor Pasquale Funaro e lo ringrazio per avermi dato la possibilità di lavorare qui con lui. E’ una esperienza stupenda che mi sta arricchendo molto sia dal lato professionale che umano” ha detto il giovane cuoco pietramelarese.

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru