Antica Terra di LavorocampaniaCasertaComunicati StampaCostume e SocietàNewsNews breviScuola

Caserta. Tutto pronto per il convegno del 7 novembre alla scuola media 'Collecini'

Lotta serrata al bullismo ed al cyberbullismo, prevenzione dei pericoli sul web per i minori e uso consapevole dei nuovi media.

Tantissimi gli ospiti che saranno al convegno del 7 novembre

CASERTA. Lotta al bullismo ed al cyberbullismo, prevenzione dei pericoli sul web per i minori e uso consapevole dei nuovi media. E’ su questi temi che si svilupperà il Convegno dal titolo “Bullismo e Cyberbullismo”, che si terrà Giovedì 7 novembre e rivolto agli studenti, alle famiglie e agli insegnanti dell’Istituto Comprensivo “F. Collecini – Giovanni XXIII”, presso le sedi della scuola secondaria di San Leucio e di Castel Morrone (Ce). Un duplice appuntamento in un unico giorno, che rappresenta un’occasione fondamentale di dialogo volto alla definizione del fenomeno e alle strategie di constrasto da mettere in campo, visto che il bullismo e il cyberbullismo sono sempre più presenti non solo tra i banchi di scuola, ma in generale nella società moderna, aumentando la schiera di bambini e adolescenti coinvolti. L’evento è promosso dall’equipe di Progetto Con-Tatto, segmento della Caritas Diocesana di Caserta presieduta da don Antonello Giannotti, in collaborazione con il mondo della scuola e delle istituzioni territoriali, a completamento della seconda area di lavoro denominataProgetto Con-Tatto Scuola”, che ha condotto psicologi ed operatori ad incontrare i bambini e i ragazzi di alcune scuole casertane, tra cui l’I.C. “F. Collecini – Giovanni XXIII”.

Il Bullismo e il suo corrispettivo mediatico, il Cyberbullismo, vanno sempre considerati come questioni di rilevanza sociale, pertanto i temi saranno affrontati congiuntamente da istituzioni ed agenzie educative con il l’inclusione e la partecipazione delle famiglie degli allievi. L’iniziativa è ideata a conclusione di un percorso di formazione e informazione per aiutare gli studenti a connotare il fenomeno e a prevenire circostanze di prevaricazione e di abuso di potere estrinsecate in minacce verbali e/o fisiche, che spesso minano l’autostima e la dignità personale, soprattutto nelle forme virtuali del cyberbullismo. “Abbiamo constatato da quello che emerso durante il nostro percorso che si deve rendere necessaria la stretta collaborazione tra famiglie, scuola e istituzioni – dichiara la coordinatrice di Progetto Con-Tatto, dr.ssa Barbara Pacilio – organi demandati alla raccolta di casi accertati e alla verifica di situazioni reali” –. Siederanno al tavolo dei relatori il dr. Antonio Varriale, Dirigente scolastico dell’I.C. “Collecini-Giovanni XXIII”, don Antonello Giannotti, presidente Caritas Diocesana di Caserta, la dr.ssa Marina Scappaticci, psicoterapeuta familiare e membro di Progetto Con-Tatto, e la dr.ssa Maria Rosa Mauro, Commissario della Polizia di Stato – Questura di Caserta.

L’incontro è aperto a tutti

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Giacinto Di Patre
La stampa fa paura. Anche a me. In genere non modifica le situazioni, non ha quel potere che la leggenda le attribuisce, ma può distruggere una persona. Se sbaglia, sono guai. E poi, non ci sono rimedi, anche quando tenta di riparare. La tv moltiplica addirittura l'effetto, per quel tanto di 'ufficialità' che si porta dietro. Una volta si commentava: "Lo ha detto la radio", ed era una patente di credibilità. Adesso quel che più conta, e fa opinione, è il nuovo mezzo.

    Comments are closed.