• Ven. Ott 22nd, 2021

Villa Literno. Strage in città, aggredisce la sua ex e uccide una 44enne: arrestato nigeriano. Tutti i particolari

DiThomas Scalera

Mag 14, 2017

VILLA LITERNO. Lo scorso 11 maggio i Carabinieri di Villa Literno, insieme a quelli di Casal di Principe, hanno fermato il cittadino nigeriano Mgbemena Chukwudi, 39 anni, in Italia senza fissa dimora. I militari dell’Arma, durante delle indagini, hanno acquisito gravi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo, indagato per il tentato omicidio di una sua connazionale, con la quale aveva intrattenuto una relazione. Il nigeriano è stato rintracciato in via delle dune a Villa Literno, nei pressi dell’abitazione della vittima. L’uomo, infatti, nella serata dell’11 maggio aggredì la sua ex, un’amica ed un accompagnatore provocandogli, rispettivamente, alla prima, una “contusione cranica con sfumato ematoma frontale e piccola ferita escoriata. contusione occipitale” con prognosi di 7 giorni, al secondo, che venne ricoverato in prognosi riservata e in pericolo di vita presso l’ospedale “G. Moscati” di Aversa, un “trauma toracico penetrante da flc emitorace a sx con pneumotorace a dx”, e alla terza, anch’essa tuttora ricoverata in prognosi riservata e in pericolo di vita, presso la clinica “Pineta Grande” di Castel Volturno, un “eviscerazione addominale da ferita da arma bianca”. L’arrestato fu accompagnato presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che, ora, nel convalidare il fermo, ne ha disposto la permanenza in carcere. Si è appena appreso che la donna nigeriana, Sani Binta, 44 anni,  ricoverata presso la Clinica Pineta Grande di Castel Volturno è appena deceduta a causa delle lesioni riportate.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru