• Mar. Ott 26th, 2021

Blitz concluso a Parigi, gli ultimi aggiornamenti

DiThomas Scalera

Nov 18, 2015
118195-md
La polizia davanti a una chiesa di Saint-Denise il 18 novembre del 2015. (Jacky Naegelen, Reuters/Contrasto)
  1. Il blitz della polizia nell’appartamento di Saint-Denis, un comune alla periferia settentrionale di Parigi, è stato condotto sulla base delle informazioni raccolte nell’inchiesta giudiziaria attraverso intercettazioni telefoniche e azioni dell’intelligence che lasciavano pensare che il presunto ideatore degli attentati del 13 novembre, il belga Abdelhamid Abaaoud, fosse nell’appartamento.
  2. Sono state fermate sette persone, tra cui tre che si trovavano nell’appartamento, due (un uomo e una donna) che erano nei paraggi e altre due persone ritenute al corrente dei fatti (il proprietario dell’appartamento e un suo conoscente). Secondo diverse fonti, Abdelhamid Abaaoud non è tra i fermati.
  3. Una donna si è fatta esplodere durante il blitz con una cintura esplosiva, un uomo è stato ucciso dalla polizia con dei proiettili e degli esplosivi.
  4. Non è stata comunicata l’identità degli arrestati, né dei morti.
  5. Il ministro dell’interno Bernard Cazeneuve e il procuratore di Parigi François Molins si sono recati a Saint-Denis, subito dopo la fine del blitz.
  6. Sono ancora presenti nel quartiere numerosi poliziotti e le autorità hanno chiesto a tutti i cittadini di rimanere in casa. Nel comune vivono tra le 15mila e le 20mila persone.
  7. Il governo francese ha approvato nuove misure di emergenza come risposta al terrorismo.
  8. Il presidente francese François Hollande partecipa a una riunione dei sindaci francesi a Parigi.

Fonte: Internazionale

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru