• Mer. Ott 27th, 2021

Capua. Carnevale di Capua, Raffaele Modugno nominato commissario all’Acage

DiThomas Scalera

Feb 17, 2017

Raffaele Modugno

CAPUA. Una sfida che ha chiamato a raccolta tutte le forze cittadine, pubbliche e private, a partire dalle scuole ai commercianti, dalle associazioni alle istituzioni civili e religiose, fino ad arrivare ad ogni singolo cittadino affinché ciascuno si renda protagonista del recupero di una tradizione dopo anni di d’identità perduta. Una sfida contro il tempo e pochi soldi che il sindaco di Capua Eduardo Centore ha affidato a Raffaele Modugno nominandolo commissario all’Acage (Agenzia Carnevale e Grandi Eventi), in virtù della sua decennale esperienza proprio nell’organizzazione del Carnevale di Capua. Edizioni di successo che negli anni sono entrate nella storia della città e che oggi Raffaele Modugno si appresta a bissare chiamando a raccolta l’intera Capua. “Il vero motore di questa edizione – spiega Raffaele Modugnosaranno i commercianti di Capua, grazie ai quali la città avrà la forza economica per rispolverare il prestigio del suo Carnevale. E le scuole, tutte, che daranno il vigore delle giovani idee ad una kermesse antica che si appresta a rinnovarsi nella sua identità. E il mio ringraziamento va anche alla Pro loco di Capua per le competenze e le professionalità che sta mettendo in campo affinché ogni aspetto della manifestazione sia curato nel minimo dettaglio. In attesa di presentare il programma ufficiale della manifestazione, mi preme sottolineare che il merito della riuscita di questo Carnevale andrà tutto ai suoi protagonisti, espressioni dell’intera città, e sarà questo l’elemento distintivo che affiderà alla storia l’edizione 2017 del Carnevale di Capua, una bellezza che sfida il tempo e le difficoltà con la dignità di ogni singolo cittadino che diventa città”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru