• Sab. Ott 23rd, 2021

Casal di Principe – 'Vite surreali', esposte le opere di Gino Abatiello

L’elevazione dell’arte. Si terrà nei giorni 28 e 29 maggio dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalla 15:00 alle 20:00, presso l’ex chiesa Sacro Cuore di Casal di Principe, in via Santa Lucia, la mostra d’arte contemporanea “Vite surreali”, organizzata dall’artista Gino Abatiello, con la collaborazione di Saverio Cirillo e Antonio Diana.gino L’evento creativo sarà anticipato da uno spettacolo che mischia musica ed arte, che si terrà nella serata di venerdì 27 maggio. In quell’occasione, sotto la conduzione di Alfonsina Venditti, l’artista casalese si esibirà sul ritmo delle canzoni cantate da Tony Tana, Federica Palma, Imma Cantelli, Alfonso Di Tella ed Ida Marino, dando vita ad un’opera su tela in diretta chiamata “L’isola che non c’è”. “Un dipinto che riprende il dramma che vivono alcuni immigrati, i quali vedono la terra ferma, ma non riusciranno a raggiungerla perché fermati dall’incombenza della morte. Un tema profondo che offre una visione diversa rispetto ad una realtà che spesso viene valutata solo sotto un occhio che guarda l’abito e non ciò che c’è dietro – spiega Abatiello. perché ho voluto lasciare la mia impronta artistica su un territorio dove, ultimamente, si parla sempre di più d’arte. E’ ormai un linguaggio diretto che migliora la nostra realtà e che eleva le menti. Essere un artista vuol dire saper trasmettere in modo visivo ciò che interiormente si prova, è una sorta di superamento di sé stessi. Tramite il dipinto offro la mia testimonianza, come ho fatto in passato in diverse circostanze in occasione di eventi e contest mirati. Invito tutti a venire alla mostra perché è un viaggio mentale che coinvolge fantasia e realtà e che, con forza, vince le tenebre dell’omertà”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru