Antica Terra di LavoroEventiNews

Cervino. Tutto pronto per la Festa delle Forze Armate e dell'Unità d'Italia

Le iniziative per il 4 novembre

CERVINO. Il comune di Cervino ha organizzato una serie di iniziative per la Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, a partire dalla tradizionale deposizione della Corona ai piedi del Momento ai Caduti, una cerimonia per ricordare e vivificare i valorosi Caduti di tutte le guerre e le famiglie degli scomparsi. Insieme all’Amministrazione Comunale di Cervino, guidata dal sindaco Gennaro Piscitelli, ci saranno i membri dell’Associazione Combattenti e Reduci sezione di Cervino “Giovanni Pascarella” e una rappresentanza dell”I.C “Enrico Fermi”.

“Il 4 novembre è una ricorrenza particolarmente significativa per la nostra Nazione: è la Festa delle Forze Armate, dell’Unità d’Italia e si ricorda la fine della Prima Guerra Mondiale.  Invito i cittadini a partecipare e riunirci attorno al simbolo del Tricolore, per il quale tante vite sono state sacrificate, e del valore supremo che rappresenta: la libertà; simbolo di un popolo che trova la sua identità nei principi di fratellanza, di uguaglianza e di giustizia”. È l’invito che il sindaco di Cervino, Gennaro Piscitelli, rivolge ai suoi cittadini.

Le manifestazione prenderanno il via alle ore 15.00 in Piazza Immacolata di Messercola.

Festa delle Forze Armate e dell’Unità d’Italia

La Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate è una giornata celebrativa nazionale italiana. Fu istituita nel 1919 per commemorare la vittoria italiana nella prima guerra mondiale, evento bellico considerato completamento del processo di unificazione risorgimentale. La festa è il 4 novembre, data dell’entrata in vigore dell’armistizio di Villa Giusti (firmato il 3 novembre 1918) e della resa dell’Impero austro-ungarico.

In occasione del 4 novembre, e dei giorni immediatamente precedenti, le massime cariche dello Stato rendono omaggio al Milite Ignoto, la cui salma riposa presso l’Altare della Patria a Roma, si recano in visita al Sacrario di Redipuglia, dove sono custodite le salme dei 100.000 caduti italiani della prima guerra mondiale, nonché a Vittorio Veneto, dove si svolse l’ultima e risolutiva battaglia del conflitto armato fra il Regio Esercito italiano e l’esercito imperiale austro-ungarico.

È prassi che il Presidente della Repubblica Italiana e il Ministro della Difesa inviino alle forze armate italiane, il giorno della celebrazione, un messaggio di auguri e di riconoscenza a nome del Paese. Il 4 novembre viene celebrato anche in altre sedi istituzionali come Regioni, Province e Comuni.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.