• Ven. Ott 22nd, 2021

È morto Pietro Anastasi, centravanti simbolo della Juventus degli anni ’70

Aveva 71 anni ed era malato di tempo

È morto Pietro Anastasi, fra i migliori attaccanti italiani degli anni settanta. Aveva 71 anni ed era malato da tempo.

Nato a Catania il 7 aprile 1948, esordì in Serie A con il Varese nel 1967. Due anni dopo si trasferì alla Juventus, che lo pagò 650 milioni di lire: Anastasi giocò otto stagioni in bianconero, segnando 78 gol e vincendo tre scudetti.

Nel 1968 fu tra i convocati della Nazionale che vinse i Campionati europei: nella finale ripetuta contro la Jugoslavia segnò il gol del definitivo 2-0.

Negli ultimi anni di carriera giocò anche con l’Inter, con cui vinse una Coppa Italia, l’Ascoli e il Lugano.

Dopo il ritiro allenò le giovanili del Varese e divenne opinionista televisivo.

Il tweet della Juventus
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Andrea De Luca

La rassegna