Antica Terra di LavoroBreaking NewscampaniaCasertaLavoro

Caserta. Federparrucchieri Confcommercio, eletti presidente e consiglio direttivo

Federparrucchieri, eletti Presidente e Consiglio direttivo

Testimonial dell’evento l’icona internazionale John Santilli

CASERTA. Scopo  della Federazione: contrastare l’abusivismo e la concorrenza sleale

Sono oltre duemila gli acconciatori che operano in provincia di Caserta
Si è costituita ieri  mattina a Caserta la Federazione regionale parrucchieri Confcommercio Campania. Sarà presieduta da Vincenzo Marzuillo, storico acconciatore e titolare dell’omonimo coiffeur, eletto all’unanimità. Faranno parte del consiglio direttivo Gerardo Di Genova, che ricopre anche il ruolo di presidente mandamentale di categoria di Napoli, Alfredo Tranquillino, presidente mandamentale di categoria di Salerno, Fabio Russo, Vincenzo Petrella, Francesco Annunziata, Alberto Provvido, Luigi Merola, Donato Diana, Bruno Carosone, Michele Monaco, Giuseppe Masella, Filomena Lauritano, Raffaele Moretta e Prisco Sorbo. La Federazione si pone l’obiettivo di recepire le istanze della categoria, potenziare la formazione degli iscritti e sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sulla piaga dilagante dell’abusivismo e della concorrenza sleale. ‘Stiamo attraverso una fase molto difficile – spiega Marzuillo, che sarà anche presidente mandamentale di categoria di Caserta – ciascuno di noi ha registrato quest’anno un calo degli incassi di oltre il cinquanta per cento. E malgrado ciò stiamo pagando regolarmente i canoni di locazione, le tasse, gli stipendi e, in qualche caso, abbiamo anticipato persino la cassa integrazione al personale per i mesi di lockdown. Investimenti e sacrifici che non sempre però sono stati ripagati. Ciascuno di noi ha perso infatti una fetta di clienti e non solo per le restrizioni imposte dal Covid’. La percentuale dei parrucchieri che lavorano in nero è infatti aumentata in modo esponenziale dopo l’emergenza Coronavirus. Complici i danni causati dalla chiusura forzata dei locali e impossibilitati a ripartire, sono tanti coloro che hanno iniziato a lavorare clandestinamente sottraendo così clientela e risorse ai loro colleghi in regola: ‘Confcommercio – chiarisce il neo eletto Marzuillo – si è fatta carico di affrontare in modo decisivo questa problematica, che attanaglia in provincia di Caserta oltre duemila parrucchieri, mettendo in campo tutte le azioni che saranno necessarie per tutelare la categoria’. Presenti all’assemblea il Direttore regionale di Confcommercio Campania, Pasquale Russo, il vice presidente di Confcommercio Caserta, Umberto Cinque e Maria Russo, coordinatrice della sede provinciale di Confcommercio Caserta. La Federparrucchieri è stata tenuta a battesimo da Mr. John Santilli, un’icona del mondo della coiffure, in Italia e all’estero, che si è detto disponibile a mettere il suo talento, la sua competenza e le sue professionalità al servizio di Confcommercio. Maestro internazionale della Scuola di Vidal Sassoon, ha lavorato insieme ai più importanti guru dell’acconciatura e collaborato con case italiane e straniere come Wella, L’Oreal ed Helen Curtis. Spalla a spalla con gli stilisti più famosi, Mr. Santilli ha insegnato la sua arte ad oltre 10mila parrucchieri nel mondo.
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Giacinto Di Patre
La stampa fa paura. Anche a me. In genere non modifica le situazioni, non ha quel potere che la leggenda le attribuisce, ma può distruggere una persona. Se sbaglia, sono guai. E poi, non ci sono rimedi, anche quando tenta di riparare. La tv moltiplica addirittura l'effetto, per quel tanto di 'ufficialità' che si porta dietro. Una volta si commentava: "Lo ha detto la radio", ed era una patente di credibilità. Adesso quel che più conta, e fa opinione, è il nuovo mezzo.

    Rispondi