• Sab. Mag 21st, 2022

Il vescovo Pietro Lagnese in visita al Liceo Artistico San Leucio di Caserta

Il vescovo Pietro Lagnese ha incontrato studentesse e studenti del Liceo Artistico San Leucio, il personale docente e Ata. Una mattinata di incontro e di visita nei laboratori della scuola per conoscere da vicino una delle realtà scolastiche più articolate della città. «È stato per noi – dice la dirigente scolastica Immacolata Nespoli – un’occasione di incontro e di crescita. Il confronto è ragione fondante del sapere. È nelle aule delle scuole che si costruisce il presente e il futuro del paese. La scuola è laica ma laicità significa anche incontro e accoglienza con tutti e la presenza del vescovo Lagnese è stata per noi tutti motivo di gioia. Condividiamo la visione di un mondo solidale, fatto di rispetto, di ascolto e di accoglienza. Ben vengano tutte le persone portatrici di pace e amore». Il vescovo ha ascoltato, seduto nei banchi di scuola, le parole delle studentesse e degli studenti e nei laboratori di architettura ha assistito ad una breve lezione fatta dalle allieve della VA che hanno gli hanno presentato il loro progetto di rinascita del Macrico. «La questione dell’ex Macrico – hanno detto le studentesse – è a noi molto vicina e l’abbiamo scelta come tema di progetto per l’esame di Stato. L’area progettuale che stiamo ultimando include un museo del ‘900, una piazza e un centro civico/biblioteca, così da diventare un luogo di aggregazione sociale a servizio della comunità che da tempo le cittadine e i cittadini di Caserta aspettano e desiderano». E con loro il presule ha parlato di Macrico. «Ho ascoltato con grande interesse la spiegazione del progetto – ha sottolineato– e ho invitato le allieve e i loro docenti a fare un sopralluogo nel Macrico. Andremo insieme perché per gli studi che stanno facendo è necessario che vedano da dentro spazi e possibilità».

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa