Comunicati Stampa

La Regione Campania chiede l’archiviazione per il biodigestore della Alekos

Lo Spazio Cales: “Le nostre ragioni vinceranno!”

Sparanise (Caserta). La procedura autorizzativa per la realizzazione di un impianto di trattamento rifiuti da parte della società ALEKOS SPA è in fase di archiviazione su richiesta degli uffici competenti della Regione Campania.

Alekos Spa aveva presentato, infatti, un progetto per trattare 73 mila tonnellate di rifiuti all’anno per la produzione di compost e di gas in area ex Pozzi, a cavallo tra i comuni di Sparanise e Calvi Risorta.Un progetto ritenuto assolutamente inadeguato, sia dal punto di vista tecnico che ambientale e, perciò, oggetto di numerose critiche da parte dei movimenti ambientalisti del territorio e, oggi, anche di pesanti rilievi dalle strutture tecniche della Regione. Rilievi ai quali la società non è stata in grado di rispondere e che aprono al procedimento di archiviazione.

Nel documento datato 11 gennaio 2021 (PG/2021/0011378) e redatto dall’ufficio Amministrativo Valutazioni Ambientali della Regione Campania, si evidenziano moltissime criticità sia dal punto di vista della completezza della documentazione fornita dal proponente, sia da quello della situazione ambientale dell’area.La ex Pozzi è inserita ormai da anni, come è a tutti noto, nel Piano Regionale delle bonifiche a causa della presenza di quella che l’attuale ministro Costa definì “la discarica tossica più grande d’Europa”. Non solo, le numerose richieste pendenti per nuovi impianti, impongono una valutazione più ampia e approfondita della situazione per scongiurare un “rischio cumulativo” dato dalla somma degli impatti ambientali di ciascuno di essi.È per questo che ci siamo battuti e oggi, finalmente, le istituzioni iniziano a riconoscere le ragioni di una battaglia che terminerà solo quando una nuova prospettiva si aprirà per l’area Pozzi e per l’intero territorio.

Ringraziamo il Comune di Calvi Risorta per aver deliberato la contrarietà alla realizzazione dell’opera e il Comune di Sparanise per aver segnalato le criticità durante tutto l’iter, sostenendo così questa battaglia.

Come abbiamo più volte detto in questi anni di lotta, nessun nuovo impianto inquinante potrà essere realizzato senza una vera e trasparente bonifica. Nessun nuovo impianto potrà nascere per mera speculazione, senza nessuna utilità pubblica, solo per ingrassare le tasche dei soliti noti! Dunque, a distanza di due anni Alekos Spa della famiglia Di Nardi, sta per ricevere il secondo stop dalla Regione.

Non possiamo che gioire e andare avanti con maggiore determinazione!

Spazio CALes

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Comunicato Stampa
I comunicati stampa

    Comments are closed.