Gio. Set 19th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Mondragone. L’AMBC: “Continuiamo a proporre mozioni, per i rifiuti, la trasparenza e la mobilità”

4 min read

Comunicato stampa dell’Associazione Mondragone Bene Comune

MONDRAGONE. Sappiamo che ciò che propone l’AMBC (o segnala o critica costruttivamente) per l’attuale amministrazione non è degno di nota. E resta “lettera morta”. Tuttavia, non possiamo escludere che qualcosa possa in un modo o nell’altro attecchire, prima o poi. Continuiamo perciò imperterriti a fare Politica nell’unico modo nel quale sappiamo farla, per esempio proponendo questa volta 3 idee che già altrove sono realtà. 1. Da tempo cerchiamo di sensibilizzare l’amministrazione comunale a cambiare totalmente registro nella gestione dei rifiuti. Sono tante le cose che si possono (e si debbono) fare. Alcune non particolarmente difficili né esose, come- per esempio– aderire alla campagna “Plastic free” lanciata dal Ministero dell’Ambiente: https://www.minambiente.it/pagina/come-aderire. Come si vede, ci sono anche comuni non lontani da noi che hanno avviato un percorso di messa al bando della plastica. Perché non possiamo farlo anche noi? 2. L’Autorità Nazionale Anticorruzione-Anac, con la deliberazione del 27 febbraio 2019, n. 141 “Attestazioni OIV, o strutture con funzioni analoghe, sull’assolvimento degli obblighi di pubblicazione al 31 marzo 2019 e attività di vigilanza dell’Autorità” individua i dati che devono essere monitorati e detta i criteri da utilizzare. Essa stabilisce che, entro il 30 aprile, tutte le P.A. devono pubblicare sul proprio sito l’attestazione del Nucleo di Valutazione o Organismo Indipendente di Valutazione sul rispetto dei vincoli di trasparenza intesi come pubblicazione, nella sezione amministrazione trasparente del proprio sito internet. L’attestazione deve tener conto dello stato di pubblicazione dei dati al 31.3.2019. I dati in questione da pubblicare sono quelli relativi a: performance, provvedimenti, bilanci, servizi erogati, pagamenti dell’amministrazione, opere pubbliche, pianificazione e governo del territorio, informazioni ambientali. Negli ultimi anni, il principio dell’accessibilità totale agli atti è stato inserito in numerosi provvedimenti normativi: il Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 e, in particolare, l’allegato A; la Direttiva Europea 2016/2102 recepita con il D.lgs. n. 106/2018; le Linee guida di design per i siti web della PA https://designers.italia.it/. La semplice pubblicazione dei dati, come è ovvio, non è sufficiente a garantire, da sola, la trasparenza. I dati pubblicati, infatti, debbono essere chiari, comprensibili, accessibili. Perché continuiamo a non rispettare gli obblighi di legge e a persistere nell’illegittimità? Intanto, il portavoce dell’AMBC, Gianni Pagliaro, attende ancora la risposta della Segretaria comunale alla sua istanza di accesso agli atti relativi ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Aspetteremo ancora un po’ e poi partiranno le denunce. Nei giorni scorsi c’è stato a Roma il tradizionale appuntamento del FORUM PA e ci ha fatto piacere scorgere la presenza sotto la Nuvola di Fuksas dell’ Assessore al bilancio del Comune di Mondragone. Speriamo che tale partecipazione possa servire a far fare qualche passo in avanti sulla strada dell’innovazione. 3. A Sabaudia sono entrate ufficialmente in vigore lo scorso 15 aprile e resteranno fino al 15 ottobre 2019 le tariffe per il pagamento dei parcheggi nelle aree di sosta appositamente individuate e sono previsti degli sconti per i cittadini che dimostreranno di essere in regola con il pagamento della TARI. Tornano anche quest’anno, in pratica, le soste a pagamento “agevolate” a Sabaudia ed ancora una volta lo sconto per i residenti da 50 a 30 euro sarà previsto solo per chi certificherà l’avvenuto pagamento della Tari. Tutte le informazioni sul sito istituzionale del comune: https://www.comune.sabaudia.lt.it/per-i-cittadini/parcheggi-a-pagamento-2019/. Una idea simile non si può sperimentare anche da noi, per cercare di abbattere un po’ di evasione?  A proposito di parcheggi, ci pregiamo informare l’amministrazione Pacifico che la società che gestisce per conto di un Comune un parcheggio a pagamento è tenuta a versare la Tarsu, sostituita dalla legge di stabilità 2014 con la Tari, in quanto il servizio svolto, ovvero la gestione delle soste degli autoveicoli tramite parcometro, implica l’occupazione di suolo pubblico. E’ quanto ha stabilito l’ordinanza n. 13185 della Sezione tributaria della Cassazione:http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20190516/[email protected]@[email protected]@tO.clean.pdf. E per accompagnarvi nel miglior modo possibile al voto di domenica 26 Maggio vi segnaliamo il Vademecum solidale della Comunità Papa Giovanni XXIII https://news.apg23.org/downloads/files/Associazione/politica/L-Europa%20in%20cui%20crediamo.pdf.

Leggi anche:

Quarto/Afragola. Alcuni lavoratori in servizio presso l’Ipercoop Tirreno saranno in sciopero per 3 giorni

Vantaggi offerti dall’iscrizione ad un marketplace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open