Lun. Set 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

San Bartolomeo in Galdo. Attività antidroga dei Carabinieri presso una scuola

2 min read

Le unità cinofile hanno rinvenuto mezzo grammo di hashish nei bagni dell’istituto

SAN BARTOLOMEO IN GALDO (BN). Nell’ambito della campagna della diffusione della “cultura della legalità”, organizzata  dal Comando Provinciale Carabinieri di Benevento, i Carabinieri della Stazione di  San Bartolomeo in Galdo e del Nucleo Cinofili di Sarno (SA), hanno fatto “visita” all’Istituto di Scuola Media Superiore “Livatino” del centro fortorino, dove è stato effettuato un controllo preventivo antidroga finalizzato alla verifica della presenza di sostanze stupefacenti nel contesto dell’istituto scolastico.

    I militari, in concomitanza con il suonare della campanella, sono giunti sul posto con il cane dell’unita cinofila, particolarmente addestrato per il rinvenimento delle sostanze stupefacenti, venendo accolti dagli studenti e dal quadro insegnanti con sorpresa e soddisfazione.

     Le attività di controllo, peraltro concordate con la dirigenza scolastica dell’Istituto, si sono svolte sia all’interno dell’Istituto con la verifica dei locali di uso comune e delle aule nonché sulle pertinenze esterne oltre al controllo  a campione  di alcuni zainetti portati dagli studenti che non hanno esitato a sottoporli al sensibile fiuto del cane.

     Una volta concluso l’ingresso degli studenti, i Carabinieri hanno proseguito con controlli alla circolazione stradale sulle vie adiacenti l’Istituto anche per sottoporre a verifica eventuali studenti “ritardatari” o che avessero volutamente evitato le verifiche all’ingresso.

    I controlli hanno permesso di rinvenire nei bagni dello stesso istituto scolastico una dose di mezzo grammo di hashish, che è stata sequestrata e per il quale sono in corso gli accertamenti dei Carabinieri della locale Stazione.

Leggi anche:

Mondragone. Gioco d’azzardo, vacanze alternative, premi per musicisti, occasioni di lavoro e ritardi regionali

Torrecuso. Rifiuti speciali pericolosi: sequestrato un opificio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open