• Gio. Ott 28th, 2021

I ragazzi dell’Associazione “Una Storia da raccontare” protagonisti del ritrovamento

Seconda Guerra Mondiale e Roccamonfina, sono stati rintracciati gli eredi del soldato americano

ROCCAMONFINA – Seconda Guerra Mondiale e Roccamonfina: la scoperta. Roccamonfina in questo fine settembre si rende protagonista di un rimpatrio. Lo scorso agosto Valerio Buco e Carmine De Luca, soci delle associazioni “Una storia da raccontare” e “Museo Storico di Roccamonfina”, hanno rinvenuto

durante una loro giornata di ricerche una dog tag” americana, più comunemente conosciuta come piastrina identificativa militare appartenuta al sergente Leonard R. GRIMES di stanza sul territorio vulcanico nell’autunno del 1943, durante il secondo conflitto mondiale.

Gli autori del ritrovamento sono rimasti stupefatti, tanto che nello stesso punto sono stati ritrovati altri oggetti, come paletti da tenda, razioni alimentari, in particolare una razione “C” ancora perfettamente conservata, dei bottoni e dei residui di uniforme.

Appena passato l’effetto sorpresa, subito sono partite le ricerche per poter riconsegnare il piastrino ai familiari del sergente Grimes.

«Per poter ricercare e contattare quest’ultimi – dichiarano gli autori del ritrovamento – ci siamo fatti aiutare dagli amici dell’associazione Combat Road e in particolar modo dall’amico Marco Bruno, il quale subito ha girato la nostra richiesta all’associazione

Gruppo Ricerche Storiche, attiva da molti anni proprio sulla riconsegna di questi oggetti personali appartenenti ai militari che hanno combattuto il conflitto mondiale».  Da quel momento in poi subito si è attivata la macchina delle ricerche, e in poche ore si è arrivati a contattare il figlio del sergente GRIMES, Patrick. Stupito dal ritrovamento e contento della volontà di riconsegnare questo oggetto si è reso disponibile a fornire anche ulteriori informazioni sul padre;

lo stesso compianto L. Grimes, in particolare, veniva insignito durante la guerra della Stella d’Argento, di quella di Bronzo, del merito per buona condotta e della “Purple Heart” (medaglia conferita ai feriti di guerra).

Il sergente Grimes, arruolato tra le fila della Terza Divisione di Fanteria Americana, arrivò a Roccamonfina tra il 31 ottobre e il 6 novembre ’43, e da lì sarebbero ripartiti per i luoghi di battaglia e lo sfondamento della Linea Gustav, quest’ultima sistema complesso di fortificazioni e sbarramenti che le forze tedesche avevano creato per impedire la risalita degli Alleati verso Roma, riuscendo a sopravvivere alla guerra e tornare sano e salvo dai propri cari in America, dove è scomparso nel 2011.

«Desideriamo ringraziare Marco Bruno e gli altri amici della Combat Road, Maurizio De Angelis e l’associazione Gruppo Ricerche Storiche – queste le dichiarazioni finali dei due roccani – per averci aiutato fattivamente nella ricerca dei parenti del sergente Leonard Grimes».

Parte degli oggetti ritrovati saranno esposti nel museo locale che gli stessi, con le succitate associazioni Una storia da raccontare” e “Museo Storico di Roccamonfina” stanno allestendo a Roccamonfina.

Eccoci giunti alla fine di questa meravigliosa ed emozionante storia che riguarda la Seconda Guerra Mondiale e Roccamonfina; dopo quasi 80 anni un pezzo di America, che ha combattuto in Italia, ritorna finalmente a casa.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa