Dom. Set 22nd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Sessa Aurunca. Metti una sera al Liceo: porte aperte al Nifo

3 min read

SESSA AURUNCA. Esistono tanti modi per trascorrere un venerdì sera alternativo.

Ma quello che è successo ieri sera al Liceo Classico di Sessa Aurunca ha veramente dell’incredibile.

Un “Open night” suggestivo per far conoscere ad un pubblico ampio le mille attività del plesso scolastico aurunco. 

L’iniziativa, ricade all’interno della più ampia manifestazione denominata “La notte nazionale dei licei classici”. Un progetto, partito ormai cinque anni fa da un Liceo Classico di Acireale, con lo scopo di promuovere innanzitutto le materie classiche per portarle a conoscenza di un pubblico più vasto.

Così, anche nella struttura ultra centenaria sessana,  le porte si sono aperte e la magia ha preso il sopravvento. L’atmosfera era delle più suggestive, grazie anche al fascino che è insito tra le mura, che tra l’altro verso la fine del settecento hanno ospitato uno dei più grandi compositori della musica classica, ossia Wolfgang Amadeus Mozart: Parliamo per l’esattezza dei giorni 11 e 12 maggio del 1770.

L’occasione è servita anche per fare orientamento, in vista delle iscrizioni per l’anno scolastico che verrà. 

La serata ha avuto come tema centrale il mistero, con gli alunni che si sono esibiti in un corteo greco, con costumi d’epoca ed esibizioni teatrali. Senza tralasciare il latino, che da sempre, insieme alla lingua ellenica, sono le colonne portanti delle materie da studiare. 

Come ha precisato il Dirigente Scolastico Giovanni Battista  Abbate, gli alunni del Nifo rappresentano il fulcro di ogni attività. Di fatti, i ragazzi hanno accompagnato gli ospiti, fungendo  da guide per la visita dei vari laboratori. Si, perchè oltre alle materie umanistiche, il Liceo Classico ha la possibilità di offrire numerosi laboratori, che  nella serata di ieri erano aperti appositamente per mostrare le numerose attività che si svolgono ogni giorno all’interno della scuola. 

Lungo i corridoi, era possibile anche sostare per assaggiare prodotti tipici della tradizione classica, oltre ai soliti prodotti da buffet; il tutto condito da una sana ventata di giovinezza e voglia di emergere che soltanto le “nuove leve” riescono a trasmettere.

Il Preside, ha inoltre  ribadito i numerosi successi che ogni anno gli alunni riescono a perseguire nelle gare nazionali, grazie anche alla sapiente guida di professori sempre pronti soprattutto all’insegnamento umano più che didattico. 

Alla luce di tutto ciò, dovrebbe essere orgoglioso l’insigne filosofo aurunco del XVI sec. Agostino Nifo, a cui è stato dedicato il liceo che sorge all’interno di un ex convento dei frati agostiniani. 

Ma d’altronde la strada era ben tracciata visto che la struttura era presente già dal XIII secolo, segno di una cultura permeata nel cemento e che ancora oggi segna la via per numerose generazioni di studenti. Dal 1865, anno d’avvio del Liceo Classico, ad oggi, l’eredità da portare avanti è veramente pesante: Un bagaglio che potrebbe spaventare chiunque. Ma nulla mai potrà scalfire la bellezza della storia e la prepotenza dei versi classici. Tocca solo ai giovani, assorbire l’immensa materia culturale, al fine di prepararsi per fare il grande salto verso il mondo adulto: Ad Maiora.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open