• Sab. Ott 16th, 2021

Sessa Aurunca – Protesta dei lavoratori del CAB, lavoratori senza stipendio da due mesi

DiThomas Scalera

Dic 19, 2016

Una protesta civile ma forte e decisa quella messa in atto stamane a Sessa Aurunca dai lavoratori del CAB, Consorzio Aurunco di Bonifica i quali da oltre due mesi attendono il pagamento degli stipendi che gli spettano. Una situazione incresciosa che ha visto i lavoratori esasperati chiedere più volte incontri con le autorità del Consorzio, con l’amministrazione locale e con la Regione per cercare di giungere ad una rapida soluzione.

Assente alla manifestazione il primo cittadino di Cellole Angelo Barretta, ex Commissario del Consorzio stesso. Gli animi si sono esasperati proprio all’indirizzo dell’ex Commissario reo di aver disertato il confronto con i lavoratori. In testa al corteo il sindaco di Sessa Aurunca Silvio Sasso e il vescovo Mons. Francesco Orazio Piazza, da sempre vicino ai lavoratori e alle loro famiglie. Presente anche Alberto Verrengia, di Generazione Aurunca. Assente stamane invece anche l’attuale Commissario del CAB Antonello Carotenuto, un’assenza che vale più di mille parole. I lavoratori e le loro famiglie trascorreranno un triste Natale a differenza di coloro che pur avendo molte responsabilità in merito alla vicenda non si sono prodigati per evitare di giungere all’attuale situazione. Ecco alcune foto della manifestazione.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru