Mer. Set 18th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Trattativa Stato-Mafia: chiesti 12 anni per Dell’Utri e 15 per l’ex capo dei Ros Mori; per molti c’è la prescrizione voluta dai pm

2 min read

Trattativa Stato-Mafia, l’epilogo che tarda a venire. Nel frattempo qualcosa si muove, ed è pure qualcosa di importante. Purtroppo, in questa nostra Italia dove siamo abituati a minimizzare i comportamenti malavitosi (quando non siamo in atto di “adorazione” ed emulazione degli stessi), la notizia fa poco scalpore, passa lenta, quasi la si devia. Pochi infatti i Tg nazionali e locali che ne hanno accuratamente parlato. Sarà per la vicinanza di alcuni indagati e condannati a qualche partito in lizza per governare il “nostro”(?) Paese? Sarà per distrazione o collusione? Non è dato sapere. L’unica cosa certa è che non se ne parla. O almeno non se ne parla abbastanza. Avete presente i morti ammazzati dalla malavita con il consenso implicito di una parte della politica degli anni passati? Si? Allora non si può non sapere chi sono gli “uomini” scelti per espiare le colpe anche di altri, che forse siederanno sugli scranni parlamentari quali senatori, deputati o addirittura come presidente del Consiglio dei Ministri. Ebbene, nell’ambito di quella che è una trattativa che siamo certi non arriverà mai a dare piena giustizia, la procura di palermo ha chiesto la condanna a 12 anni di reclusione per Marcello Dell’Utri, per minaccia e violenza a Corpo politico dello Stato. Lo stesso Dell’Urti sta scontando 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Niente male. Mentre per l’ex capo del Ros, Mario Mori, sono stati chiesti 15 anni, sempre per minaccia e violenza a Corpo politico dello Stato. Per falsa testimonianza sono stati chiesti, invece, 6 anni per l’ex ministro dell’Interno Mancino Nicola. Chiesti rispettivamente 16 e 12 anni per i boss Leoluca Bagarella e Antonino Cinà. Sono state chieste le attenuanti, previste per i collaboratori di giustizia, per il pentito Giovanni Brusca. Chiesta invece la prescrizione per massimo Ciancimino, che rispondeva anche della calunnia del’ex capo della polizia De Gennaro, per il quale reato sono stati chiesti 5 anni. giusto per chiarezza, le varie richieste di prescrizione (non solo all’imputato Ciancimino) sono state chieste perché “secondo i pm le condotte di concorso in mafia sarebbero cessate con la cattura del boss Riina”. Il fatto che si continuasse a dare direttive di morte anche dal carcere, evidentemente, per i pm non è rilevante. Senza parole.

… merda di conigli!!

Uomo trovato morto con pinza da elettricista conficcata nella nuca

Open