• Sab. Feb 24th, 2024

Casal di Principe. Sequestro di persona compiuto dalla mafia nigeriana: un arresto

Sequestro di persona compiuto dalla mafia nigeriana a Casal di Principe

CASAL DI PRINCIPE. I Carabinieri della Compagnia di Casal di Principe hanno eseguito un’ordinanza cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di un soggetto gravemente indiziato per i reati di sequestro di persona a scopo di estorsione aggravata dal metodo mafioso, lesioni personali aggravate, rapina e violenza privata. Il provvedimento cautelare si fonda sugli esiti dell’attività d’indagine, eseguita dai Carabinieri della Sezione Operativa di Casal di Principe sotto la direzione ed il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, nell’ottobre 2022.

In tale ambito è stato possibile monitorare l’operatività di un gruppo criminale denominato “Eiye”, facente capo all’odierno indagato e composto da altri soggetti in corso di identificazione i quali, armati di machete e asce, avrebbero posto in essere un sequestro di persona ai danni di un proprio connazionale. L’atto criminale sarebbe stato effettuato con il fine di reperire delle somme di denaro da parte dei parenti della vittima, residenti in Nigeria. Gli accertamenti hanno infatti acclarato che la persona dopo essere stata prelevata nei pressi di un bar sito a Casapesenna sia stata portata in un’abitazione di Casal di Principe dove per una notte intera sia stata tenuta sotto sequestro, spogliata, malmenata e minacciata, venendo rilasciata solo a seguito del pagamento, mediante bonifico, di una somma di circa 1500 euro, erogata dai familiari in Nigeria. Nel corso dell’azione criminale il soggetto destinatario dell’odierna misura avrebbe dichiarato alla vittima di essere il capo del gruppo criminale, rientrante nella mafia nigeriana e operante a Castel Volturno, degli “Eiye”. Tale circostanza, nota alla parte offesa, avrebbe consentito al gruppo di intercedere con i familiari in Nigeria minacciando anche un eventuale intervento nel paese d’origine nel caso in cui il pagamento non fosse andato a buon fine.

L’operazione odierna si inserisce in un più ampio contesto di contrasto alla mafia nigeriana che ha dimostrato un’incredibile operatività nel territorio della provincia di Caserta. È infatti nota, per pregresse vicende giudiziarie, la presenza di gruppi strutturati, connaturati da riti di affiliazione e regolamenti interni, denominati “Black Axe” “Vikings – Supreme Vikings Confraternity” “Eiye – Supreme Eiye Confraternity” e “Maphite” dediti a numerose attività illecite anche talvolta in contrasto fra loro. Fra gli affari dei gruppi menzionati risultano il traffico di sostanze stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, estorsioni e sequestri di persona ai danni di connazionali.

USCITA A1 CAIANELLO VIA CERASELLE TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI AL SABATO ORARIO CONTINUATO 08:00 20:30 DOMENICA 08.00 13.00
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Di Redazione V-news.it

Il bot redazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!