• Mer. Ago 17th, 2022

Palumbo (Ugl): “Caserta torni ad essere Terra di lavoro, agricoltura settore strategico”

Le parole del segretario della Ugl Caserta Ferdinando Palumbo

Mentre crescono le preoccupazioni per il conflitto che imperversa in Ucraina, bisogna fare i conti con le ripercussioni economiche che questo sta causando al nostro paese, con cittadini e famiglie già provate da due anni di crisi pandemica.

Una riflessione e un allarme arrivano dalla Ugl di Caserta e dal segretario Ferdinando Palumbo sempre attento alle evoluzioni che si ripercuotono nel settore agroalimentare. “Con il conflitto in corso il prezzo degli alimenti è destinato a crescere e noi importiamo da entrambi i paesi in guerra” spiega il sindacalista “Russia e Ucraina sono rispettivamente il terzo e l’ottavo produttore al mondo di grano, sarà dunque inevitabile il conseguente aumento dei prezzi di pane e pasta con evidenti ricadute per le tasche degli abitanti della provincia”. 

A far insorgere il sindacalista le quotazioni del grano che sono balzate del 5,7% nella sola giornata del 24 febbraio, raggiungendo il valore massimo degli ultimi 9 anni ed anche la notizia che l’Ungheria ha bloccato le sue esportazioni per preservare le proprie scorte.

La proposta accorata del segretario Palumbo è di ritornare ad investire in agricoltura, in grano, in girasoli, ed in tutto ciò che non ci rende autosufficienti. “Caserta e la sua provincia, un tempo denominate Terra di Lavoro, erano uno dei centri agricoli più importanti dell’intero mezzogiorno, purtroppo negli ultimi 30 anni abbiamo investito in settori non strategici e adesso mancano proprio i beni agricoli, che forse ci toccherà acquistare dai paesi della primavera araba, al momento anch’essi soggetti a sanzioni internazionali” e prosegue concludendo “da anni abbiamo disinvestito e abbandonato le campagne perdendo posti di lavoro ed oggi siamo in difficoltà nel reperimento dei prodotti”. 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa