• Ven. Ott 22nd, 2021

Trentola Ducenta – San Giorgio Martire, la festa per il Santo Patrono

La celebrazione della solennità di San Giorgio Martire. Si è tenuta nella giornata di sabato 23 aprile, presso la chiesa omonima sita in Trentola Ducenta, la celebrazione del dies natalis del santo originario della Cappadocia, nato nel 275-285 DC. La solenne celebrazione eucaristica è stata presieduta dal parroco Don Luciano Di Caprio.FB_IMG_1461539641989 La liturgia è stata partecipata da tutto il popolo di ducentese con tanto fervore e spirito religioso. La “Iubilate Deo” ha intonato, tra i tanti brani, l’inno nuovo composto in onore del santo lo scorso anno. Al termine della messa, si è tenuta una processione che ha attraversato le vie principali del paese, con l’accompagnamento della banda musicale della città di Casandrino, diretta da Antonella Frattolillo, intervallata da preghiere e canti religiosi presieduti da Don Luciano. “La luce del Signore Risorto – dice la guida spirituale – continua ad illuminare questo nostro tempo. Lui che illumina ogni angolo oscuro della nostra vita, mettendo in fuga le tenebre del peccato e della morte. Gesù ci invita a donare la vita senza timore così come fece il nostro Patrono San Giorgio, il quale non ha avuto paura di lasciarsi inondare dalla luce del Cristo Risorto”.
A seguire il video ufficiale girato durante l’evento:

 
 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru