Alto CasertanoNewsPoliticaVairano

Vairano. Martone: “Se mi candiderò nel 2022 è perché ho a cuore la sostanza sociale”

Gianpiero Martone parla del suo futuro politico

VAIRANO. Spesso in questi ultimi giorni mi sento porre la domanda se ho deciso e se sono disponibile a candidarmi alla prossima scadenza amministrativa fra due anni,nel 2022. Domande che giustamente mi vengono poste da cittadini che rispettano il mio impegno e sollecitano una mia più solida assunzione di responsabilità politico-istituzionale; ne si può escludere che da alcuni queste domande hanno la funzione di indagine di parte e di chi, in assenza di una funzione sociale attiva, incomincia la ricerca per addebitarsi una possibile condizione di potere personale. Mi è d’obbligo aggiungere queste ultime valutazioni poiché mi vengono suggeriti anche nomi con cui allearsi e che purtroppo coincidono con cittadini che hanno contribuito alla condizione deleteria cui è giunta Vairano e che io definisco Precipizio.

La mia candidatura non ha nulla di scontato, ne prendo continue iniziative per  mettermi in mostra. Sia nell’esperienza trascorsa di consigliere, sia ora nella funzione di rappresentante politico-sindacale-professionale, non partecipo ad alcun tavolo di confronto se al centro non vi è IL BENE COMUNE, LA LEGALITA’,diversamente mi alzo e continuo in autonomia le battaglie e l’iniziativa sociale, indipendentemente da cariche Istituzionali, come ho dimostrato da anni.

Nella mia coscienza culturale e consapevolezza non vi è la scelta della politica quale condizione e logica per andare a COMANDARE o acquisire solo un POTERE. Per il sottoscritto la politica è e deve ridiventare un fatto nobile per tenere la Collettività nel BENE COMUNE; nulla ha a che vedere con le deviazioni mafiose che si scontrano per contendersi il potere tra famiglie.

Se mi candiderò è perché ho a cuore la sostanza sociale, in primo luogo la difesa dei DIRITTI di tutti i cittadini e i loro giusti bisogni,piccoli o grandi che siano,agendo con EQUITA’.

Se mi candiderò alla base vi è la consapevolezza che le buone tradizioni del passato si possono difendere ed esaltare con le necessarie dovute innovazioni; grande e pregiudiziale sarà sempre il quotidiano rapporto con territorio ed elettori,evitando di star chiuso nel palazzo,rifiutando qualsiasi logica clientelare, come molti sono abituati a fare gestendo la cosa pubblica come casa personale.

Se mi candiderò è perché la mia coscienza mi dice di avere le carte in regola e non solo per il mio consolidato curriculum. Una formazione professionale di una ventennale esperienza che si è fondata e consolidata con una consapevolezza obbligatoria di coerenza e indipendenza,poiché solo se si è coscientemente coerenti e indipendenti si ha la giusta capacità di dire SI e NO quando è dovuto e necessario. La lealtà di rapporto negli Organismi di appartenenza è dovuta certo, ma nulla ha a che vedere con l’obbedienza cieca; non vivo la politica come servitore in attesa di concessioni personali,ma la politica come impegno morale in difesa degli interessi collettivi e giusti.

Coerenza,onestà, passione, non si comprano si costruiscono con volontà e impegno e dimostrarlo non è ne superfluo ne inutile.

Chi è convinto e cosciente che occorre voltare pagina si faccia avanti e si dimostri coerentemente disponibile, con la consapevolezza che chi cerca di coinvolgervi promettendovi mari e monti cerca solo di utilizzarvi,poi immediatamente si dimenticherà di voi; chi ha chiara onestà politica ha il dovere morale di dire con chiarezza quale è la sua idea, opinione e programma su Vairano.

In proposito ha una sua attualità la propaganda di parte che si sta svolgendo sull’inizio dei lavori per la variante di via Patenara. Naturalmente l’avvio della variante è una cosa giusta e di grande apprezzamento e finalmente dopo anni inizia la sua costruzione. Ciò nonostante non si dimentichino quattro cose essenziali: 1) per avviare il progetto e i lavori ci sono voluti blocchi stradali e un Consiglio Comunale straordinario a Vairano Scalo che, in seguito allo stesso impegno prefettizio hanno comunque promosso prime soluzioni con le decine di autocarri che già percorrono la variante e verso cui si esprime il più sentito riconoscimento; 2)La variante si è potuta ipotizzare perché a fare il primo tracciato fu il Consorzio di Bonifica,poi d’intesa con la Provincia si fece il prolungamento con la seconda amministrazione di Picozzi, comunque  fu già presentato un progetto particolare di variante promosso dalla Torre anni 80 e stranamente, nonostante quel progetto pagato, il nuovo è costato centinaia di migliaia di Euro; 3)Si ringrazi quanti come me si sono battuti per terminare la scandalosa cava Pizzomonte concessa ai Patriciello da Cantelmo, che certo non avrebbe potuto fare da ingresso alla variante; 4)Non ci si illuda che la variante ha risolto tutto definitivamente,al massimo ha risolto parte della sicurezza cittadina nel tratto Casilina di Vairano Scalo, ma rimane tutta aperta la questione di prospettiva del centro commerciale dello Scalo, i servizi e le condizioni di vita. Sia a tutti chiaro che Vairano ha il dovere di una nuova condizione  territoriale e urbanistica che dia vita agli abitanti di Vairano Scalo,all’area commerciale, recuperi centinaia di abitazioni a Vairano e Marzanello,recuperi il confinamento di Marzanello, e fondi un grande sviluppo sui grandi beni storici ambientali di Vairano.

IN ULTIMO SIA CHIARO, PER QUANTO DETTO E SOTTOLINEATO NON SI CONTINUERA’ SOLO SU UN AFFIDAMENTO AI COMUNICATI STAMPA, AI SOCIAL,ALLE DOVUTE SOLLECITAZIONI DELL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA; CI SARA’ UN MIO IMMEDIATO IMPEGNO PER DARE VITA ALLA DOVUTA ORGANIZZAZIONE DEI CITTADINI,APRENDO ANCHE UN CIRCOLO, FACENDO FEDE A QUANTO E’ STATO GIA’ COMPIUTO NEL PASSATO. LA SOVRANITA’ POPOLARE NON SI RICHIAMA SOLTANTO,SI ORGANIZZA.

Gianpiero Martone

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.