Mar. Giu 2nd, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Agropoli. Granfondo Mtb dei Saraceni, 471 volte grazie!

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

AGROPOLI. Agropoli, la Porta del Cilento, gremita dalla community dei bikers con l’azzurro del Mar Tirreno e il verde del Monte Tresino a fare da sfondo al continuo andirivieni degli specialisti delle ruote grasse (471) che hanno decretato il pieno successo della Granfondo Mtb dei Saraceni confermando il trend positivo con un incremento di 200 partecipanti rispetto al 2016.

 

Per lo staff e tutti i collaboratori dell’Asd Mtb Cilento un premio e un riconoscimento all’abnegazione e alla professionalità del sodalizio cilentano nel mettere in scena una gara di ottimo livello alla presenza di Franco Alfieri (sindaco di Agropoli), Adamo Coppola (vice sindaco di Agropoli), Pietro Amelia (responsabile settore fuoristrada FCI Campania e neo componente commissione nazionale FCI fuoristrada) e Pietro Ferro (consigliere provinciale FCI Salerno).

 

Caratteristico il passaggio nel centro storico di Agropoli (scaloni della città antica) e poi un tuffo nelle meraviglie del paesaggio cilentano con il superamento del Monte Tresino a selezionare il folto drappello dei bikers che, a loro volta,  hanno potuto scegliere la granfondo e l’escursionistico.

 

Il vincitore uscente Di Lorenzo Pasquale (Rokka Bike – 1°élite sport) ha messo subito l’ipoteca nel fare il bis che si è materializzato al termine di una cavalcata durata 2 ore lasciando ad Antonio Matrisciano (Team Giuseppe Bike – 1°Master 3) e Carlo Medaglia (Team Giuseppe Bike – 2°élite sport) la contesa per il podio assoluto.

 

In ottima evidenza sul medesimo percorso anche Carmine Mele (Bike Sport e Team – 1°juniores), Domenico Chiarelli (Cicloteam Valnoce – 1°élite), Gennaro Forlenza (Bike e Sport Team – 1°master junior), Paolo Russo (Federal Team Bike – 1°master 1), Raffaele Esposito ( Team Giuseppe Bike – 1° master 2), Antimo Ceparano (Over the Top Bike – 1°master 4), Alberto Cirigliano (Bike e Sport Team – 1°master 5), Gennaro Scognamiglio (Team Bike Vesuvio – 1°master 6), Ferdinando Panagrosso  (Cicloò Bike Team – 1°master 7) e Gabriele Nigro (Ciclistica Oliverto Citra – 1°under 23).

 

Al femminile gara perfetta per Monica Visco (Rampikevoli Mtb – 1°master donna 2) che si è messa alle proprie spalle Eleonora Cristina Valluzzi (Loco Bikers – 2°master donna 2), Teresa Mastroianni (Cicloò Bike Team – 1°master donna 2), Aneta Adamska (Federal Team Bike – 4°master donna 2), Marzia Di Lorenzo (Team Bike Maddaloni – 1°master donna 1) e Agnese Petrone (Mtbfan Asd – 1°master donna 1).

 

Il comitato organizzatore ringrazia sentitamente l’amministrazione comunale di Agropoli, i Vigili Urbani, la Croce Rossa Italiana di Agropoli, le protezioni civili di Agropoli, Laureana Cilento, Ogliastro Cilento e Castellabate, tutti i partners commerciali ed i sostenitori, l’esercito di volontari presenti sul percorso gara o impegnato in altre mansioni aspettando di celebrare la terza edizione nel 2018 sempre nel segno di Cilento Mtb.

È online l’intera galleria fotografica grazie ad Antonello Naddeo di Fotosportonline: 1500 immagini a disposizione cliccando su http://www.antonellonaddeo.it/granfondo_dei_saraceni_2017-p14666

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Open

Close