• Lun. Nov 29th, 2021

Calvi Risorta. Amianto nell’ex stabilimento Moccia, il M5S presenta un’interpellanza

DiThomas Scalera

Mag 6, 2016

52488-800x383
CALVI RISORTA. Metri e metri quadrati di copertura dello stabilimento Moccia giacciono abbandonati da decenni, da quando la fabbrica Moccia che produceva mattoni in argilla cotta ha chiuso i battenti alla fine degli anni ’80. La copertura dei capannoni è in amianto. L’inevitabile usura degli anni, sopratutto il sole cocente d’estate consumano i rivestimenti in pittura, mettendo a diretto contatto con l’ambiente circostante l’amianto che, rilasciato nell’ambiente può essere letale per la salute umana.
A tal riguardo lo Stato Italiano ha esortato i comuni ad effettuare un censimento dei cespiti in amianto e il comune di Calvi Risorta si è adeguato con l’ordinanza numero 9 del 24 febbraio 2015 nella quale invitava, tra le altro, la messa in sicurezza chiunque possedesse strutture in amianto, onde evitare la dispersione nell’ambiente di fibre nocive per la salute pubblica.
Molti cittadini hanno provveduto, rimuovendo (a proprie spese visto che non esistono reali agevolazioni per lo smaltimento) oppure chi non potendo permettersi lo smaltimento, ha provveduto a mettere in sicurezza i cespiti (prevalentemente coperture) apponendo delle pitture specifiche che incapsulano le fibre d’amianto. Nella ex fabbrica di Moccia nulla è stato fatto: è difficile risalire ai reali proprietari, visto che la fabbrica ha chiuso i battenti da molti anni.
Per questi motivi gli attivisti del Movimento 5 Stelle di Calvi Risorta e quelli del Movimento Politico Primavera Calena di Enzo Scarano fanno sapere che stanno preparando una lettera aperta al commissario Umberto Campini. Sotto forma di interpellanza chiedono che misure intenda adottare per la messa in sicurezza dell’area in modo che non costituisca pericolo per la salute pubblica, visto che a più di un anno dall’ordinanza comunale la proprietà dell’ex fabbrica non si è occupata di ottemperare a quanto prescritto dall’ordinanza stessa.
In particolare gli attivisti del Movimento 5 Stelle di Calvi Risorta fanno sapere che auspicano una soluzione bonaria della problematica. “Bisogna rintracciare gli eredi Moccia che se impossibilitati, potrebbero cedere la struttura allo Stato e riconsegnare alla collettività un bene in disuso per fini di utilità pubblica”. La fabbrica si trova nella frazione Petrulo in una strada a vicolo cieco, ma con l’intervento statale l’area potrebbe essere collegata con la provinciale per Rocchetta e Croce e smaltire o mettere in sicurezza agevolmente l’intera struttura in amianto
.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru