Ven. Mag 29th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta. La movida ha il suo happy hour gay friendly

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

CASERTA. “Il tempo libero, come andare al bar con gli amici o con la persona da cui si è attratti, per le donne e uomini omosessuali o trans non è mai qualcosa di scontato:

nella maggior parte dei bar non si è mai sicuri che venga rispettata la minima norma di civiltà per cui non si dovrebbe ricevere un insulto per essersi scambiati un bacio,

né tanto meno (e per fortuna) si può capire chi sia etero e chi no, in modo da sapere chi corteggiare,  se ne si abbia il desiderio”

È con questa riflessione che l’associazione Rain Arcigay Caserta onlus annuncia una nuova iniziativa, giovedì 8 febbraio al n.48 di Via Ferrante a Caserta,

e che sarà a carattere particolarmente leggero, goliardico e soprattutto a cadenza periodica,

ovvero il primo aperitivo in un locale nel centro storico (e della movida) di Caserta a carattere LGBT (Lesbico, Gay, Bisessuale, Transgender) friendly

“Caserta è famosa in tutta la Regione per la concentrazione di bar, locali notturni e ristoranti” spiega il Vice Presidente Luca Pucino, “eppure le persone LGBT sanno che qualora vogliano passare una serata in totale spontaneità, perché organizzata specificamente per loro, dovrebbero spostarsi a Napoli”.

“Questo accade perché mentre a Napoli gli eventi in locali ricreativi per un pubblico LGBT abbondano, da
noi sono pochissimi; ed è triste, perché a Caserta la frequentazione dei locali in centro è considerata più di una semplice occasione di socializzazione, ma è un vero e proprio modo di stare in pubblico, di vivere la comunità; se vogliamo sentirci accettati da questa Città, dobbiamo iniziare a costruire degli spazi in cui possiamo serenamente essere noi stessi”
.

“In oltre non va dimenticato che la ristorazione è un settore fondamentale dell’economia cittadina, e Caserta ha le potenzialità per attrarre quel turismo LGBT che ha fatto da volano di sviluppo per città come Napoli, Catania, Bologna e Torino.

“Siamo molto grati al locale “The One” che ha aderito in maniera entusiastica all’idea: speriamo che questa prima serata possa avere una forte eco e ripetersi a scadenza fissa, e perché no, spingere gli altri locali a farci concorrenza! “ aggiunge il Presidente Bernardo Diana, concludendo che “abbiamo deciso di chiamarlo NoShame (nessuna vergogna) perché vogliamo che le persone lgbt facciano tutto ciò che fanno gli eterosessuali al bar: parlare, tra una birra e un analcolico, di donne (se si è lesbiche) o di ragazzi (se si è gay), oppure corteggiare chi cattura la propria attenzione, chiunque esso/a sia (se si è bisessuali) senza l’ansia di essere rifiutati/e solo perché si è transgender.

Pucino aggiunge che la “consumazione Arcigay” (drink e buffet) al The One costerà la cifra simbolica di €5, e “sarà un vero e proprio aperitivo: dalle 18.30 alle 22.30, all’insegna della compagnia con tantissima musica; i fondi raccolti durante queste serate serviranno a finanziare il Caserta Pride del 16 giugno 2018 
e i servizi community based per le persone LGBT+ della provincia di Caserta.”

Dove : “The One” – Via Ferrante 48, Caserta

Quando : giovedì 8 febbraio 2018 dalle 18.30 alle 22.30

Evento: https://www.facebook.com/events/2039921339554382

Leggi anche:

Capua. “120 Battiti al minuto”, il lungometraggio in due serate presso il Teatro Riccardi

Napoli. Omofobia: iscritto all’Arcigay-ATN picchiato da tre uomini alla fermata dell’autobus

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Open

Close