• Dom. Ott 24th, 2021

Cellole/Mondragone. Bimba di otto anni legata a letto e frustata: due arresti

DiThomas Scalera

Ago 11, 2016

violenza sui minori
CELLOLE/MONDRAGONE. Nella mattinata odierna, è stato dato esecuzione ad un mandato di arresto di europeo emesso dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta di questa Procura, nei confronti di O. W. (ci. 79) e della sua compagna DI C. A. C. (ci. 79), destinatari, il primo ordinanza di custodia cautelare in carcere e, la seconda degli arresti domiciliari.
La procedura di consegna dalla Francia è stata affidata alla Squadra Mobile di Caserta. Entrambi gli arrestati rispondono del reato di maltrattamenti in famiglia aggravati, ai danni della figlia minore della donna (ci. 99), reato commesso in Cellole e Mondragone, da quando la stessa minore aveva 8 anni e fino al gennaio 2015.
In particolare, le indagini, coordinate da questa Procura ed affidate alla Squadra Mobile di Caserta hanno fatto emergere un quadro di abusi e di vessazioni che la donna e il di lei convivente avevano sistematicamente posto in essere ai danni della minore, attraverso percosse che le cagionavano lesioni, adoperando ai danni della stessa sevizie ed agendo con crudeltà: in diverse circostanze, la piccola è stata legata mani e piedi al letto e colpita con la cinghia; in altre occasioni, legata alla maniglia di un garage e colpita con getti di acqua fredda, o ancora costretta a subire docce bollenti o colpita con frustate al volto e alla testa.
In altre circostanze, ancora, la minore veniva rinchiusa in uno stanzino al buio e colpita con una trave di legno ed oggetti acuminati dalla madre e dal suo convivente; sovente è stata costretta a mangiare separatamente dagli stessi con pietanze e stoviglie diverse da quelle da loro utilizzate. Alla piccola veniva inoltre impedito di vedere i parenti materni, cui la stessa era molto legata.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru